/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | giovedì 31 maggio 2018, 12:40

Avviso pubblico di Torino Living Lab AxTo

Nuove soluzioni per un’economia collaborativa e circolare

Avviso pubblico di Torino Living Lab AxTo

I Living Lab sono spazi urbani dedicati all’innovazione dove cittadini, imprese e pubblica amministrazione esplorano e sperimentano insieme il funzionamento, l’utilizzo e la funzionalità di prodotti, tecnologie e servizi innovativi in un contesto reale con una logica utile a valutare il potenziale accesso e la sostenibilità sul mercato, verificando, nel contempo, qual è  la risposta all’iniziativa proposta.

La Città di Torino ha pubblicato l’avviso pubblico:  “Torino Living Lab AxTO – Contributi per sperimentazioni innovative applicate all’economia collaborativa e circolare per le periferie torinesi” attraverso il quale è possibile, sino al 4 luglio 2018, presentare proposte sperimentali e innovative  per una economia collaborativa e circolare.

Possono partecipare al bando soggetti pubblici e privati aventi natura giuridica (ovvero imprese o enti di ricerca), anche in forma associata.

Le proposte della durata massima di 9 mesi, dovranno caratterizzarsi, fra l’altro, per l’innovatività e per l’eccellenza dei sistemi e dei servizi, per le soluzioni e gli strumenti proposti, per le ricadute positive sul territorio (in particolare sulle aree periferiche della Città) e sui cittadini-utenti, nonché per le potenzialità in termini di replicabilità e diffusione a larga scala.

Tutti i progetti ammessi al finanziamento riceveranno un contributo (che non potrà essere superiore ai 15 mila euro) a fondo perduto pari al 50% dell’investimento complessivo ammissibile.

Nell’ambito del Living Lab sull’economia collaborativa e circolare, la Città di Torino intende dunque cogliere le potenzialità di queste tematiche, promuovendo sperimentazioni orientate al co-sviluppo, testing e sperimentazione di nuovi sistemi, strumenti e servizi – supportati anche da soluzioni e/o piattaforme tecnologiche – che rispondano alle sfide sociali e di qualità della vita proprio in quelle aree del territorio cittadino dov’è importante  favorire la valorizzazione degli scambi sociali, il riuso di beni e delle risorse strumentali, implementando forme sostenibili di consumo e di organizzazione dei servizi di prossimità.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore