/ Cultura

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cultura | martedì 12 giugno 2018, 07:14

Una cucina da vedere e annusare: a Torino la mostra "Doppio senso" (FOTO E VIDEO)

Fino al 17 giugno il MIAAO ospita il nuovo allestimento del Múses: visioni e inalazioni eno-culinarie progettate in occasione del concorso d'alta cucina "Bocuse d'Or"

La mostra estiva del MÚSES, Accademia Europea delle Essenze, intitolata DOPPIO SENSO. Visioni e inalazioni eno-culinarie, è stata progettata in occasione del più celebre concorso mondiale di alta cucina, il “Bocuse d’Or”, ideato  nel 1987 dal padre della Nouvelle Cuisine francese Paul Bocuse, purtroppo recentemente scomparso.

La competizione tra i migliori giovani cuochi a livello internazionale si  terrà quest’anno per la prima volta nel Sud Europa, in Italia, nella città di Torino. Per questa ragione la mostra sarà allestita in due sedi: a Torino, dove è inserita nel programma ufficiale  “Bocuse d’Or Europe 2018 OFF”, nella Galleria Sottana del MIAAO sita nel complesso monumentale di San Filippo Neri; poi al MÚSES, nel Palazzo Taffini d’Acceglio di Savigliano.

Si tratta di una mostra eccentrica, dove il DOPPIO SENSO del titolo si riferisce ad artefatti -quadri, disegni, oggetti ma anche profumi-  tutti ispirati al cibo e al vino, che sono stati creati per stimolare i sensi della vista e dell’olfatto dei visitatori. L’esposizione è divisa in due sezioni: da un lato le opere di sei noti artieri subalpini -artisti, illustratori, designer- che si sono già segnalati per interessi ed elaborati, sovente spregiudicati, connessi all’enogastronomia e alla profumeria, a gusti e disgusti, olezzi e afrori.

I partecipanti rappresentano varie province del Piemonte: il Biellese con l’architetto Luisa Bocchietto, dall’anno scorso Presidente della WDO World Design Organisation; il Novarese con Corrado Bonomi; il Cuneese con Franco Giletta; e infine il Torinese con Titti Garelli, il defunto Plinio Martelli, e Roberto Necco di studio Elyron.

L’altra sezione di mostra, quella delle “inalazioni”, consiste vede l’installazione su alcuni tavoli di una serie di “olfattori”, dei preziosi contenitori in vetro foggiati a Murano, che contengono differenti profumi gourmand, cioè composti con essenze “appetitose”, maschili e femminili, a volte sorprendenti e bizzarri, selezionati a livello mondiale. I visitatori, guidati da incaricati del MÚSES, potranno così provare diverse intense esperienze odorose, tra le quali alcune proprio “sensuali”.

Il MÚSES, Accademia Europea delle Essenze, è un nuovo polo museale tecno-sensoriale, fondato a Savigliano sulla base della riscoperta e della valorizzazione  della tradizione delle erbe aromatiche in Piemonte, sostenuto da Fondazione CRC, Fondazione CRT, Fondazione CRF, Fondazione CRS.

DOPPIO SENSO. Visioni e inalazioni eno-culinarie

Curatela Sezione Visioni MIAAO; Sezione Inalazioni MÚSES

Sedi MIAAO via Maria Vittoria 5 10123 Torino dall’8 al 17 giugno 2018

MÚSES via Sant'Andrea 53 12038 Savigliano (CN) dal 21 giugno al 30 settembre 2018

Orari MIAAO: dal sabato 9 alla domenica 17 ore 15-19; MÚSES dal martedì alla domenica ore 10-13 e 14-18. Il lunedì le sedi sono chiuse.

Ingressi: MIAAO gratuito; MÚSES compreso nel biglietto di ingresso (7 euro individuali, 5 euro per gruppi)

Info: M1 miaao.museo@gmail.com; M2 info@musesaccademia.it; T 0172 37 50 25

Informazione pubblicitaria

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore