/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 13 giugno 2018, 10:37

Esuberi e trasferimenti Italiaonline, a Roma e Torino presidi dei lavoratori per l'incontro al Ministero

Questa mattina è prevista una prima riunione tecnica al dicastero guidato dal neo-ministro Luigi Di Maio per scongiurare esuberi e trasferimenti dalla sede di Torino, al quale prenderanno parte anche gli assessori regionali e comunali al lavoro Gianna Pentenero e Alberto Sacco

Esuberi e trasferimenti Italiaonline, a Roma e Torino presidi dei lavoratori per l'incontro al Ministero

Presidio in contemporanea a Roma e Torino per l'incontro al Ministero delle Lavoro tra i sindacati e i vertici di Italiaonline.

Questa mattina alle 10,30 è prevista una prima riunione tecnica al dicastero guidato dal neo-ministro Luigi Di Maio per scongiurare esuberi e trasferimenti dalla sede di Torino, al quale prenderanno parte anche gli assessori regionali e comunali al lavoro Gianna Pentenero e Alberto Sacco. 

I lavoratori hanno deciso di far sentire la loro voce a Torino, dove una cinquantina di dipendenti si sono radunati in presidio sotto la Prefettura di piazza Castello, e a Roma sotto il Ministero. Alla volta della Capitale stamattina sono partiti dal capoluogo piemontese due pullman, mentre moltissimi altri hanno scelto il treno.

Negli scorsi mesi Italiaonline ha aperto la procedura di licenziamento per 400 persone, con contestuale trasferimento di altre 241 dipendenti del marketing ad Assago. Dopo le trattative dei sindacati l'ex Seat si è detta disponibile al reintegro di circa 70 persone, su 400 esuberi, da inserire nella Digital Factory in costruzione a Torino da giugno 2018.

Una proposta giudicata inaccettabile dei sindacati e dalla Rsu, che oggi a Roma sperano di sbloccare la trattativa con il nuovo governo giallo-verde.

Intanto la petizione lanciata per dire stop a trasferimenti ed esuberi ha superato le 5mila adesioni.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore