/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | mercoledì 13 giugno 2018, 19:40

Domani la tavola rotonda "I danni provocati da siccità e inondazioni: attività di prevenzione"

Nell'ambito di Servizi a Rete Tour

Nell’ambito della quarta edizione di Servizi a Rete Tour, il 14 giugno si conclude la convention di due giorni ospitata da Smat presso il proprio Centro Ricerche, che ha coinvolto oltre 200 operatori del settore.

Al termine dei lavori la Tavola Rotonda dal titolo “I danni provocati da siccità e inondazioni: attività di prevenzione” che toccherà tutti i principali temi relativi alla gestione delle acque grazie alla testimonianza delle più importanti aziende che operano nel campo del servizio idrico integrato.

La capacità di adattamento ai cambiamenti climatici è una delle sfide più importanti che i gestori del servizio idrico integrato dovranno affrontare nel futuro: una gestione ottimale si evidenzia dalla capacità di fronteggiare le crisi attraverso la prevenzione e la redazione di mirati piani di emergenza.

Smat affronta già da anni il problema della prevenzione attraverso un progetto che riguarda lo studio della vulnerabilità ai cambiamenti climatici delle risorse idriche sotterranee utilizzate per scopi idropotabili, utilizzato per fornire indicazioni importanti per la realizzazione delle infrastrutture necessarie per il futuro del nostro territorio.

La sfida che il Convegno ha inteso lanciare è puntare sullo sviluppo di buone prassi condivise a livello territoriale tenendo conto dell’importanza di integrare il cambiamento climatico nella pianificazione delle infrastrutture e della conseguente programmazione delle attività operative al fine di istituire forme di cooperazione sempre più strette tra utility, industria, governo e cittadini, nell’ottica di una strategia Idrica Nazionale.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore