/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | giovedì 14 giugno 2018, 15:12

Thyssen, deputati liguri e piemontesi di FI chiedono al Ministro della Giustizia di farsi sentire con la Germania

"La sentenza deve essere fatta rispettare"

I deputati liguri e piemontesi di Forza Italia hanno presentato un’interrogazione urgente al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, affinché venga fatta chiarezza sull’esecuzione delle condanne per la tragedia della Thyssen Krupp: “La Germania – sottolineano – deve rispettare il verdetto del tribunale italiano”.

Con l’atto di sindacato ispettivo i parlamentari azzurri chiedono di sapere “in quali termini il Governo italiano intenda manifestare, al Governo tedesco, le proprie perplessità in ordine alla mancata esecuzione della sentenza”. I firmatari chiedono inoltre all’esecutivo Merkel “di compiere le più opportune azioni volte ad assicurare, nel minor tempo” l’esecuzione delle sentenze passate in giudicato in Italia.

L’ex ad Harald Espenhahn e l’ex consigliere Gerald Priegnitz, sono stati condannati in via definitiva, rispettivamente a 9 anni e a 6 anni di reclusione, il 13 maggio 2016 per omicidio colposo plurimo al termine del processo per il rogo allo stabilimento di Torino in cui, tra il 5 e il 6 dicembre 2007, morirono sette operai.

L’interrogazione è stata presentata dai deputati Roberto Cassinelli, Roberto Bagnasco, Osvaldo Napoli, Carlo Giacometto, Roberto Pella, Claudia Porchietto, Roberto Rosso e Daniela Ruffino.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore