/ Cronaca

Cronaca | 13 luglio 2018, 08:16

Ubriaco prende a calci e pugni passanti e capostazione, arrestato a Pinerolo

I carabinieri hanno rintracciato l'uomo di 37 anni, brasiliano, poco dopo mezzanotte, in evidente stato di alterazione psicofisica. Un ragazzo aggredito è ricoverato in ospedale, ma non in pericolo di vita

Ubriaco prende a calci e pugni passanti e capostazione, arrestato a Pinerolo

Ieri sera, poco dopo la mezzanotte, i carabinieri di Pinerolo e Bricherasio hanno arrestato un brasiliano di 37 anni in evidente stato di alterazione psicofisica da assunzione di sostanze alcooliche.

Poche ore prima, alla stazione ferroviaria di Pinerolo, aveva tentato di aggredire senza alcun motivo un passante, un ragazzo di 35 anni di Perosa Argentina, il quale, per cercare di sfuggirgli, si è rinchiuso nell'ufficio del capostazione a quell'ora deserto.

L’aggressore ha inseguito la vittima fin dentro l’ufficio e lì ha iniziato a colpirla alla testa con calci e pugni.

L’azione violenta si è interrotta grazie all’intervento del capostazione, che ha implorato l’uomo di lasciar stare il ragazzo. Ma l'aggressore ha colpito anche lui, per poi allontanarsi facendo perdere le sue tracce.

Dopo circa un’ora è ricomparso aggredendo con due pugni al volto un altro passante, cinquantenne di Piscina, che stava passeggiando con la propria compagna davanti al Museo della Cavalleria. Anche in questo caso l’aggressore si è dato alla fuga grazie all’intervento di altri passanti.

Dopo pochi minuti, con l'aiuto della descrizione fornita dalle vittime, i militari della Stazione di Bricherasio sono riusciti a identificare l’aggressore, nascosto al buio di un arbusto in piazza Garibaldi.

Il primo ragazzo malmenato in stazione è attualmente ricoverato presso l’ospedale di Pinerolo in prognosi riservata, ma non in pericolo di vita. Il capostazione e l’altro passante, invece, hanno riportato lievi lesioni.

L’uomo è stato arrestato con l’accusa di tentato omicidio e lesioni e condotto presso il carcere Lorusso Cutugno di Torino.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium