/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 luglio 2018, 08:40

Amazon, protesta dei corrieri ad Avigliana durante i giorni del Prime

Volantinaggio da parte degli addetti degli appalti di trasporto della SUM: "Sconti per i clienti, ma nessun riconoscimento per noi"

Amazon, protesta dei corrieri ad Avigliana durante i giorni del Prime

Sono le ore del cosiddetto "Prime", con offerte e trattamenti di favore per i clienti Amazon. Ma allo stesso tempo sono anche ore di super-lavoro per gli addetti che si occupano delle consegne e della logistica.

Ecco perché questa mattina si è tenuto un volantinaggio ad Avigliana, proprio in occasione del cosiddetto "Prime Day Amazon". Perché, come dicono gli operatori coinvolti negli appalti di trasporto, "Niente sconti sui lavoratori".

"Per noi , corrieri della Sum - si legge nei volantini distribuiti alla gente - sarà un giorno di lavoro più pesante degli altri
perché dovremo consegnare la merce ai clienti Amazon e dare un servizio all’altezza delle aspettative. Ma niente sconti su di noi".

E non si tratta di offerte, ma di contratto: "Vogliamo avere un trattamento retributivo corretto secondo quanto stabilito dal contratto nazionale della Logistica - proseguono i lavoratori -. Vogliamo un accordo sindacale che preveda il giusto riconoscimento dell'orario di lavoro che svolgiamo".

E concludono, parafrasando lo slogan noto sul Web: "Amazon prime day? Non è questo il trattamento che vorrei!".

Ma non si è fatta attendere la risposta da parte dell'azienda, che in una nota ha fatto sapere che "È una priorità di Amazon servire i nostri clienti e mantenere le promesse di consegna". "Non sono in corso agitazioni che coinvolgono personale di Amazon o dei nostri fornitori di servizi presso il nostro deposito di smistamento di Avigliana e stiamo mantenendo le promesse di consegna. Amazon si avvale di fornitori specializzati per l'esecuzione delle attività di consegna. I termini dei rapporti tra gli autisti e le società di consegna sono regolati dagli accordi sottoscritti tra le parti coinvolte. Richiediamo a tutti i fornitori, incluse queste società, di ottemperare pienamente a tutti i requisiti di legge, incluso quanto previsto dal contratto nazionale del lavoro applicato”.

 

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium