/ Cronaca

Cronaca | 20 luglio 2018, 09:47

Furti di moto, hashish e marijuana: scoperto sodalizio tra Venaria e Collegno

Custodia cautelare per cinque persone e arresto in flagranza di altre due. Sequestrati in un capannone oltre 230 kg di stupefacenti

Furti di moto, hashish e marijuana: scoperto sodalizio tra Venaria e Collegno

Sono state le associazioni dei motociclisti a dare l’input alle  indagini condotte dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Torino, concluse nella mattinata del 17 luglio 2018 con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque persone e l’arresto in flagranza di altre due, sorprese in un capannone industriale adibito alla coltivazione e produzione di marijuana ai fini di spaccio.

L’aumento dei furti di motocicli, infatti (soprattutto BMW modelli GS 1000 o 1200 Adventure) aveva indotto gli inquirenti a esaminare decine di denunce di furto monitorando poi quotidianamente tutti gli annunci apparsi sui siti e-commerce, dove venivano pubblicati, in vendita, i costosissimi pezzi di ricambio dei motocicli.

A gestire il “traffico” era G.F., trentenne residente a Venaria Reale, che, pur essendo agli arresti domiciliari, aveva il permesso per recarsi al lavoro, presso una rivendita di moto a Collegno. Qui, insieme alla figlia dei titolari del negozio, pubblicava annunci e metteva in vendita i pezzi di ricambio delle moto BMW.

L’uomo aveva anche organizzato con un amico, chef e titolare di un rinomato ristorante di Venaria Reale, e il cognato un sodalizio criminale dedito al “traffico” di stupefacenti, coltivando marijuana e nascondendo l’attività illecita mediante la creazione di ditte fittizie di canapa sativa.

In un capannone di Collegno, in via Molino, sono stati sequestrati 227,55 kg di marijuana (corrispondenti a 2000 piante), 33,197 kg di hashish e altri 4,6 kg di marijuana già confezionata.

Le indagini hanno consentivano di raccogliere complessivamente elementi di responsabilità nei confronti di tredici persone. Per cinque di loro sono scattate le misure cautelari, mentre altre due sono state arrestate in flagranza di reato perché sorprese in un capannone industriale a Venaria Reale, in via Bellucco 44, presso il complesso “Artico”. Qui erano state abusivamente allestite delle serre contenenti circa 3300 piante di marijuana in differenti stadi di crescita e maturazione.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium