/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Con cucina, camera, sala e bagno. Balcone ampio lungo tutto l’appartamento. Posto auto chiuso da sbarra con apertura...

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 10 agosto 2018, 07:50

Giaveno, una cartellonistica per non vedenti che racconti i monumenti e una via per Braille

Sono due degli impegni emersi dall'incontro tra il sindaco Giacone e una delegazione della Apri onlus

Nei giorni scorsi il sindaco di Giaveno Carlo Giacone ha ricevuto in Municipio una delegazione ufficiale di cittadini disabili visivi aderenti all'Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti (A.P.R.I.-onlus). I non vedenti erano rappresentati dal presidente APRI-onlus Marco Bongi e dal delegato zonale Valter Perosino.
 
Nel corso del cordiale colloquio si sono affrontate, col primo cittadino, una serie di problematiche vissute dalla categoria sul territorio: dall'abbattimento delle barriere sensoriali ai servizi di trasporto, dalle questioni socio-assistenziali alla possibile collaborazione in progetti comuni. L'associazione si è inoltre messa a disposizione dei tecnici comunali per valutare insieme le soluzioni di accessibilità nei futuri progetti relativi al rifacimento di viabilità ed arredo urbano.
 
In particolare, per quanto riguarda il territorio giavenese, si è valutata l'opportunità di predisporre una cartellonistica tattile che possa rappresentare e descrivere i principali monumenti della città. "Abbiamo trovato una persona molto sensibile e disponibile" - ha commentato il presidente di APRI-onlus Marco Bongi - "Carlo Giacone conosceva molto bene, tra l'altro,  la nostra ex-vicepresidente Eleonora Manzin, una poetessa non vedente giavenese. E' al corrente dunque dei problemi della categoria e si è mostrato molto ben disposto alla collaborazione".
 
L'associazione ha infine chiesto ufficialmente al primo cittadino, così come sta facendo in molti comuni piemontesi, l'intitolazione di una via o giardino pubblico al grande educatore Louis Braille (1809 - 1852), l'inventore dell'alfabeto tattile utilizzato dai non vedenti in tutto il mondo. Sarebbe un gesto di attenzione che non costa nulla economicamente ma avrebbe un alto valore morale.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore