/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Con cucina, camera, sala e bagno. Balcone ampio lungo tutto l’appartamento. Posto auto chiuso da sbarra con apertura...

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 10 agosto 2018, 20:13

Progetto Medusa: un nuovo arresto da parte della polizia

E' stato concepito dal Questore Francesco Messina con la finalità di contrastare i fenomeni predatori ai danni delle persone anziane ad opera di malviventi specializzati. Questa volta in manette è finito un nomade di origine sinti

Continuano i risultati nell’ambito del progetto Medusa della Polizia di Stato, concepito dal Questore Francesco Messina con la finalità di contrastare i fenomeni predatori ai danni delle persone anziane ad opera di malviventi specializzati.

La task force appositamente creata nell’ambito della Squadra Mobile, con lo scopo di effettuare un’attenta analisi del fenomeno e di esercitare una specifica azione investigativa per prevenire e reprimere furti e truffe ai danni di persone anziane, ha rintracciato nelle scorse ore un 43enne, nato a Cuorgnè ma senza residenza anagrafica, temporaneamente domiciliato presso un campo nomadi sinti, nonché a Ciriè in via Torino  102 presso l'abitazione dei genitori.

Nei confronti dell’uomo è stata condannato a 1 anno, 4 mesi e 7 giorni di reclusione per il reato di furto in abitazione e incendio.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore