/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Con cucina, camera, sala e bagno. Balcone ampio lungo tutto l’appartamento. Posto auto chiuso da sbarra con apertura...

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | venerdì 10 agosto 2018, 11:05

Bono (M5s): "Violenze in corsia, pronta la legge del Governo"

Il consigliere regionale grillino: "In 4 anni il Pd in Piemonte non ha fatto nulla". Gli ultimi casi a Venaria e Rivoli

"Le aggressioni subite a Venaria da due membri del 118 della Croce Verde di Torino e dai medici del pronto soccorso di Rivoli sono degli episodi gravissimi che hanno finalmente acceso i riflettori su un fenomeno ampiamente sottovalutato dal PD nei 4 anni di governo del Piemonte. Nel marzo scorso avevamo già interrogato la giunta Chiamparino per capire quali iniziative avrebbe messo in campo per tutelare la sicurezza degli operatori della sanità. Avevamo chiesto di potenziare le persone a sicurezza dei pronto soccorso e di posizionare videocamere in tutte le postazioni di guardia medica del Piemonte sotto un’unica cabina di regia in modo da scoraggiare aggressori ed individuare gli eventuali autori di azioni criminose". Così Davide Bono, consigliere regionale per il Movimento Cinque Stelle e vicepresidente della commissione Sanità.

"Evidentemente non è bastato - prosegue -: alla Città della Salute l’anno scorso si sono verificati 91 episodi di aggressione, 21 al pronto soccorso, 19 in neuropsichiatria infantile. L’ordine dei Medici avvierà presto un’indagine fra i direttori delle Asl per individuare le misure di prevenzione possibili. Intanto una risposta sta arrivando dal governo. La ministra Giulia Grillo ha da poco confermato che è stato dato il via libera al decreto contro la violenza in corsia.  La legge prevederà l’inasprimento delle pene per le violenze commesse nei confronti del personale sanitario e un rafforzamento della vigilanza anche tramite video-sorveglianza".

rg

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore