/ Attualità

Attualità | 18 agosto 2018, 12:00

Nota dell'Anas su strade, innesti e passi carrai. Uncem insorge: "Tempistica sospetta, a poche ore dalla tragedia di Genova"

"Un aggravio di lavoro per le Amministrazioni e uno sgravio di responsabilità per Anas", sostiene il presidente Marco Bussone

Nota dell'Anas su strade, innesti e passi carrai. Uncem insorge: "Tempistica sospetta, a poche ore dalla tragedia di Genova"

Sorprende notevolmente per tempismo, forma e contenuto, la nota Anas che è stata inviata a decine di Comuni italiani nelle scorse ore.

La richiesta dell'Azienda è di "regolarizzare" le strade che si innestano sulle loro Statali. Stupiscono i tempi - a poche ore dalla tragedia di Genova - e il contenuto lascia ancor più stupiti i Sindaci che hanno ricevuto la missiva: un modulo da compilare per ogni intersezione di strade comunali non "regolarizzate", che si incrociano con le statali che Anas gestisce. Trenta giorni di tempo per compilare il modulo trasmesso dalla società oggi di proprietà del "Gruppo FS italiane" e per produrre la documentazione grafica.

"Anas adotta un comportamento che non rispetta Amministrazioni e territorio - attacca Marco Fiorenzo Frigerio, primo cittadino di Pietraporzio, in Valle Stura, provincia di Cuneo, paese attraversato dalla SS21 che sale al Colle della Maddalena per proseguire in Francia - Anas ci chiede di regolarizzare la strada. Ma regolarizzare cosa? Mi sono arrivate otto lettere analoghe, differenti solo nell'oggetto relativo alla strada comunale che tocca la SS21. Quelle vie sono tutte strade esistenti da sempre, da prima che esistessero Anas e l'Italia. Cosa dovremmo regolarizzare con Anas? La presenza della strada?", si chiede il primo cittadino, già alle prese con le complesse norme del Codice della Strada relative a passi carrai, pubblicità, innesti. "Un incubo per i Comuni e per le nostre Unioni montane", aggiunge Frigerio.

Anas, nelle lettere mandate ai Comuni, fa riferimento a raccomandazioni di Ministero dell'Economia e delle Finanze e Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, formalizzate in una legge del 2014. "Molti Sindaci ci hanno scritto inoltrandoci le richieste Anas - spiega il Presidente nazionale Uncem, Marco Bussone - Un aggravio di lavoro per le Amministrazioni e uno sgravio di responsabilità per Anas. Non sono nuove queste situazioni, di certo non ci sorprende questo atteggiamento da parte dei 'colossi statali'. Ci risulta le priorità siano altre". Uncem chiederà ad Anas dei chiarimenti. E ai Parlamentari locali di approfondire la vicenda.

"Gestisca Anas, con i loro tecnici e funzionari quelle pratiche", propone Uncem. "Il bello è pure che una richiesta ricevuta riguarda un tratto di ex strada tale che Anas ha recentemente dismesso al Comune di Pietraporzio - evidenzia il Sindaco Frigerio - E ora ci chiedono i dati! Ne dovrebbero avere decine di pagine". Ma il vero nodo, la vera questione è la forza dei 'colossi', la loro azione che tende a mettere in un angolo i piccoli Comuni.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium