/ Cronaca

Cronaca | martedì 11 settembre 2018, 15:28

Pioggia e viabilità, l'incrocio tra Corso Lecce e Via Nicola Fabrizi si trasforma in un lago [FOTO]

Le forti e improvvise perturbazioni di questi ultimi anni stanno mettendo in difficoltà una rete fognaria che necessita di pulizia e manutenzione. L'allarme di Cerrato: "Accentrare è un rischio"

Un problema ricorrente per la Circoscrizione 4: l'incrocio tra Corso Lecce e Via Nicola Fabrizi, uno dei principali punti di connessione tra i quartieri Campidoglio e Parella, quando è sottoposto a forti e improvvise piogge si trasforma in un lago, rendendo impossibile il transito dei pedoni e molto difficoltoso quello delle auto.

La situazione, segnalata più volte da comitati di zona come Torinoinmovimento, si è riproposta dopo l'ultimo temporale, la scorsa settimana.

“In seguito alle nostre sollecitazioni – afferma Federica Fulco di Torinoinmovimento – erano state installate le caditoie per il drenaggio dell'acqua ma il lago continua a formarsi. A nostro avviso la situazione si crea per la mancanza di pulizia e manutenzione ordinaria dei tombini, intasati dalle foglie degli alberi presenti, arrivati a questo punto ci chiediamo di chi sia la competenza”.

Dalla Circoscrizione il presidente Claudio Cerrato prova a dare una spiegazione agli interrogativi: “La rete fognaria bianca – dichiara - non è stata costruita per reggere le piogge para-monsoniche di questi ultimi anni, molto più concentrate e forti. Oltre ai cambiamenti climatici, comunque, la rete è sporca e necessita di manutenzione: la competenza non è più circoscrizionale ma, da più di dieci anni, in capo a SMAT, noi non possiamo fare altro che segnalare le criticità”.

Cerrato, infine, lancia un piccolo campanello d'allarme: “Se questa tendenza accentratrice verrà confermata anche per quanto riguarda il verde pubblico c'è il rischio che si perda attenzione e puntualità verso il territorio”.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore