/ Cronaca

Cronaca | 12 settembre 2018, 14:22

Ala di Stura, ritrovato morto l’uomo finito nelle acque della cascata La Gorgia

Adesso spetterà ai carabinieri di Venaria svolgere le indagini per ricostruire la dinamica dell’accaduto

Ala di Stura, ritrovato morto l’uomo finito nelle acque della cascata La Gorgia

Putroppo, come si temeva, non è stata una vicenda a lieto fine. Questa mattina è stato trovato morto l'uomo di 43 anni che ieri, martedì 11 settembre, si era gettato nella cascata La Gorgia, ad Ala di Stura.

La scoperta è stata fatta dai soccorritori, che oggi avevano riprese, dopo averle sospese per l’oscurità nella serata di ieri. L’uomo era stato visto gettarsi in acqua da alcuni residenti della zona, che avevano dato subito l’allarme.

Le attività di  ricerca si sono concentrate in una stretta gola dove la corrente è particolarmente impetuosa. I sommozzatori sono intervenuti con una complessa manovra di immersione con il supporto della squadra saf (speleo alpino fluviale) ed i volontari del soccorso alpino per assicurare gli operatori con delle funi.
Utilizzando attrezzature “siacs” (sistema immersione controllata dalla superficie) i sub hanno individuato il corpo della vittima.

La difficoltà dell’intervento in uno scenario particolarmente severo e  le operazioni quasi al limite sono state rese possibili per la grande sinergia dagli enti intervenuti che hanno garantito in tutte le fasi la sicurezza dei soccorritori.
Anche l’elicottero del reparto volo Piemonte ha collaborato all’intervento.
Oltre alla già citata preziosa collaborazione della 32° delegazione del Soccorso Alpino, anche quella della Croce Rossa e dei Carabinieri.

Spetterà a questo punto ai carabinieri della compagnia di Venaria indagare sulle cause che hanno spinto l'uomo a compiere questo gesto.

m.d.m.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium