/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 22 settembre 2018, 14:34

Nuvola Lavazza, inaugurata l'area archeologica della Chiesa Paleocristiana di San Secondo

Nel 2014 i lavori di scavo della Nuvola Lavazza hanno portato alla luce i resti di una chiesa paleocristiana del IV-V secolo d.C., un’area archeologica di circa 1.600 metri quadrati

Nuvola Lavazza, inaugurata l'area archeologica della Chiesa Paleocristiana di San Secondo

Sabato 22 e domenica 23 settembre tornano, nei musei e nei luoghi della cultura di tutta Italia, le Giornate Europee del Patrimonio con tema “L’Arte di condividere”.

Proprio in questa occasione inaugura, all’interno di Nuvola Lavazza, l’area archeologica della Chiesa paleocristiana di San Secondo, che sarà possibile visitare su prenotazione nelle due giornate dedicate alla cultura museale.

Nel 2014 i lavori di scavo della Nuvola Lavazza hanno portato alla luce i resti di una chiesa paleocristiana del IV-V secolo d.C., un’area archeologica di circa 1.600 metri quadrati, il cui rinvenimento è stato vissuto come un’occasione di arricchimento. Il progetto architettonico è stato infatti modificato proprio per tutelare e valorizzare il sito.  L’ampia vetrata all’interno del nuovo Centro Direzionale Lavazza – all’angolo tra via Ancona e corso Palermo,  – da più di un anno permette ai passanti di vedere i resti archeologici dei mausolei e della chiesa paleocristiana di San Secondo (IV-V secolo) emersi dagli scavi. L’affaccio è particolarmente suggestivo di sera, quando l’illuminazione scenografica del sito offre un’interessante vista d’insieme.

Al termine dei complessi lavori di restauro e musealizzazione, l’area apre le porte ai visitatori, che a gruppi potranno percorrere i camminamenti realizzati per consentire la visione diretta più ampia possibile delle strutture antiche. Due audiovisivi in italiano e inglese introducono la visita insieme ai plastici, ottenuti dalle

 

elaborazioni digitali in 3Ddei rilievi di scavo, che suggeriscono un’ipotesi ricostruttiva del complesso funerario nelle sue principali fasi storiche. I pannelli a leggio disposti lungo il percorso illustrano nel dettaglio le tematiche pertinenti alle strutture visibili da ogni singola postazione.

Prima degli scavi, quest’area cittadina, ubicata all’esterno delle mura di Augusta Taurinorum, da cui dista circa 800 m in linea d’aria, era nota per i ripetuti rinvenimenti, nei decenni tra fine Ottocento e primo Novecento, di tombe e materiali funerari che testimoniavano la presenza di una vasta necropoli romana, sviluppatasi nella zona dell’ansa della Dora, sulla strada in direzione di Vercelli.

L’intervento archeologico, avviato nell’estate del 2013 con l’assistenza agli scavi, ha dato esiti negativi sulle ampie superfici intaccate dai precedenti impianti industriali, ma ha in seguito permesso di individuare, tra i resti delle fondazioni in cemento armato di un capannone demolito, un importante complesso funerario paleocristiano, sviluppatosi nel corso del IV secolo a partire da un gruppo di mausolei, probabilmente destinati ai più facoltosi esponenti della prima comunità cristiana torinese. Successivamente viene edificata una chiesa funeraria di ben più ampie dimensioni, a navata unica e abside semicircolare, in cui si inseriscono ordinatamente numerosissime tombe di analoga tipologia che vanno a saturare tutto lo spazio interno all’edificio e buon parte dell’area perimetrale esterna.

Della chiesa non è nota l’intitolazione originaria, ma le fonti storiche offrono una possibile identificazione con quella di S. Secondo martire, situata non lontano da Torino sulle rive della Dora. Questo santo, martire attribuito dalla tradizione alla Legione Tebea e annoverato tra i patroni di Torino, sarebbe stato decapitato e sepolto a Victimulae (oggi Dorzano), ma tra VI e IX secolo le sue spoglie vennero traslate a Torino “...in un luogo molto ameno presso il fiume Dora”. Nel 906 le reliquie, messe in pericolo dalle invasioni dei Saraceni, furono portate al sicuro dentro le mura, nella cattedrale, dove tutt’ora sono custodite nella teca dell’altare loro dedicato.

Nel 2014, a compimento degli scavi, l’eccezionalità della nuova scoperta, che arricchisce notevolmente le conoscenze sulla topografia cristiana torinese, ha portato Lavazza, la Città di Torino, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e la Soprintendenza a stipulare una convenzione per modificare, in collaborazione con lo studio Cino Zucchi Architetti, il progetto architettonico del centro direzionale al fine di conservare il sito archeologico e renderlo visitabile.

Il percorso di visita è completato dall’esposizione degli oggetti ritrovati in scavo, presentati in una lunga teca sotto la vetrata, che raccontano la loro storia intrecciata con quella del sito, illuminandone interessanti particolari e fornendone preziosi agganci cronologici.

È possibile prenotare la visita nei seguenti orari:

Sabato 22 Settembre dalle ore 14.00 alle 18.00 e dalle  ore 20.00 alle 22.00.

Domenica 23 Settembre dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 14.00 alle 19.00

telefonando al numero: 011 18898035 – fino ad esaurimento posti.

 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium