/ Eventi

Eventi | 22 settembre 2018, 16:40

Dalla Reggia di Venaria al Piemonte, parte Art Site Fest

Un percorso espositivo con 58 artisti, che hanno lavorato nelle sedi coinvolte. Sarà visitabile fino al 25 novembre. Apertura stasera con Peppe Servillo

Dalla Reggia di Venaria al Piemonte, parte Art Site Fest

58 artisti per 160 opere, spesso realizzate appositamente per le sedi che le ospitano. Entra nel vivo la quarta edizione 2018 di Art Site Fest, un percorso nella contemporaneità composto da diversi linguaggi, curato da Domenico Maria Papa, che coinvolge alcune delle residenze e dei musei più importanti del Piemonte. L’articolato percorso espositivo sarà visitabile fino al 25 novembre. Durante questo periodo si terranno eventi e iniziative.

“Art Site nasce per far dialogare i linguaggi dell’arte contemporanea con le residenze storiche del Piemonte – ha esordito il curatore –. L’obiettivo è duplice: far scoprire o riscoprire le residenze, attualizzare il nostro patrimonio perché sia fruito da un pubblico giovane”. “Nell’anno europeo del patrimonio culturale – ha aggiunto Maurizio Cibrario, presidente della Fondazione Torino Musei – inauguriamo questa manifestazione che in poco tempo si è affermata. L’arte contemporanea può benissimo inserirsi in luoghi come Palazzo Madama o la Reggia di Venaria, oppure il Museo industriale della Martini e Rossi”.

“C’è una precisa scelta di dialogo di qualità e attenzione – ha evidenziato Francesca Leon, assessora alla cultura del Comune di Torino – ed è una programmazione interessante per riflettere sul nostro patrimonio”. “Oggi stiamo semplicemente facendo quello che già veniva fatto in passato – ha aggiunto Mario Turetta, presidente del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude – cioè organizzare concerti e iniziative nei palazzi storici”.

Tra i luoghi coinvolti, come accennato, c’è prima di tutto la Reggia di Venaria, dove lo scultore Agenore Fabbri, in collaborazione con l’Archivio Fabbri, rende omaggio all’opera storica tra figurazione e astrazione. Alla Cappella di Sant’Uberto, poi, saranno esposti gli scatti della fotografa londinese, di origine turca, Guler Ates, che durante una residenza d’artista, che si è svolta questa estate, ha lavorato in diverse residenze, tra cui Venaria e Palazzo Madama. L’artista ha realizzato un progetto “site specific” con eleganti donne velate che si muovono lungo i prestigiosi spazi dell’ex residenza di Madama Reale e della Reggia. L’inaugurazione sarà stasera, quando alle 18.30, Peppe Servillo terrà un reading all’interno della Cappella di Sant’Uberto. Seguirà l’apertura ufficiale alle 20.

Ma Palazzo Madama è coinvolto anche con una esposizione. L’artista Luisa Valentini ha realizzato una installazione pensata per il giardino del palazzo, con la collocazione della scultura Ninfa del Cedro e tre piume, posizionate sulla parete nord-orientale. Art Site Fest sarà anche alla Palazzina di Caccia di Stupinigi, al Castello Cavour di Santena, al Castello di Govone, al Museo Egizio, a Palazzo Chiablese e a Palazzo Biandrate e Casa Martini a Pessione.

“Il Museo Egizio – ha spiegato il direttore Christian Greco – ha accolto con entusiasmo questa iniziativa. E siamo contenti di averla intitolata a Khaled Al Asaad, così come una sala del nostro museo, per mandare un messaggio forte contro l’oscurantismo. Ci sono 6 foto di Joseph Eid scattate a Palmira, con le vedute del tempio di Baal. Vuole essere anche un messaggio di speranza”. Per informazioni: www.artsitefest.it

Paolo Morelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium