Eventi
sabato 22 settembre 2018, 13:42

Conosciamoci in biblioteca a Castagneto Po: presentazione del libro "Come fratelli"

Primo evento sulla Romania organizzato negli spazi comunali

Copyright Mihai Bursuc

Copyright Mihai Bursuc

Ieri sera 21 settembre nei locali della Biblioteca di Castagneto Po si è svolto il primo evento mai organizzato sulla Romania nel piccolo comune limitrofo torinese. Grazie all'iniziativa della signora Angiola Orlansino, responsabile del club "Amici della Lettura", e dell'Assessore alla Cultura Giuseppe Rampulla - la serata è stata magistralmente condotta dalla giovane romena Elena Rotari.

L'introduzione, fatta dall'Assessore Rampulla, ha ricordato al pubblico misto romeno e italiano, l'importanza della conoscenza fra i popoli e come la cultura sia un fattore decisivo per l'integrazione e per l'arricchimento delle persone.

La parola è stata poi presa dagli autori Irina Niculescu e Marian Mocanu che hanno risposto alle domande della moderatrice su argomenti relativi alla fratellanza italo-romena rispecchiata anche a livello imprenditoriale e mediatico, così come emergono dal volume, pubblicato con Edizioni Unicopli nel 2017. Il libro Come Fratelli, conosciuto ormai in Piemonte, continua a riscuotere successo ed interesse per il pubblico italiano. Recentemente è stato presentato anche al Circolo dei Lettori in via Bogino a Torino, nonchè al Salone del Libro a maggio.

La giovane Elena Rotari, nata a Marginea nella regione della Bucovina in Romania, vive in Piemonte insieme ai genitori e ai suoi fratelli da quando aveva 6 anni. Oggi lei studia Management ed Economia a Torino. Tra poco sarà conosciuta dal grande pubblico anche come produttrice esecutiva di un docu-film commissionato dal CONI - niente meno che l'attesissimo "Gioia-l'angelo del ghiaccio" il 2 di ottobre la "prima" al Teatro Alfieri.

La serata ha avuto un'altra protagonista d'eccezione: Lia Pascaniuc, di origini romene, giovane artista di fama mondiale, presente con le sue opere a Torino, Genova, Milano, Venezia, ma anche Cina, Berlino e in India. Lia ha raccontato la sua esperienza d'integrazione nella società italiana e ha spiegato i suoi mezzi artistici d'espressione. Nelle sue ricerche esplora le emergenze della società odierna, in primo luogo l'acqua, l'ambiente e i suoi fenomeni naturali e li traspone con la tecnica fotografica e nuove tecnologie multimediali, video-istallazioni e ologrammi. Il 29 e 30 settembre l'artista Lia Pascaniuc sarà ospite con le sue opere in zona San Salvario in occasione di Accaatelier 2018.

L'evento è stato concluso con un brindisi e un buffet di prodotti tipici romeni preparato per il pubblico nella bellissima cornice della biblioteca per un momento conviviale di reale fratellanza.

Irina Niculescu

Ti potrebbero interessare anche:
SU