/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2018, 22:40

CR7 e Bernardeschi: la Juve abbatte il muro del Frosinone

Successo con grande fatica dei bianconeri in casa dei ciociari: i gol negli ultimi dieci minuti grazie al portoghese e al numero 33, subentrato a partita in corso e decisivo nel successo finale

A Frosinone è arrivato il terzo gol in campionato per Cristiano Ronaldo

A Frosinone è arrivato il terzo gol in campionato per Cristiano Ronaldo

Vince ancora la Juventus, anche a Frosinone: ma che fatica! Lenta, sterile e snervante per gran parte della partita, la squadra di Allegri si sveglia nella ripresa e porta via i tre punti dalla Ciociaria grazie a due reti negli ultimi dieci minuti firmate da Ronaldo e Bernardeschi.

Caparbia ed encomiabile la squadra di casa, racchiusa in un catenaccio d'altri tempi che per poco non fermava il cammino della Vecchia Signora, ma alla fine un guizzo di CR7 ha fatto crollare il muro giallo del "Benito Stirpe" restituendo anche il sorriso al campione portoghese dopo l'espulsione di Valencia. Decisivo nel successo juventino l'ingresso di Bernardeschi, nuovamente protagonista dopo la super prestazione in Champions League. Al termine dei novanta minuti, dunque, campioni d'Italia in testa alla Serie A ancora a punteggio pieno: mercoledì a Torino arriverà il Bologna nel turno infrasettimanale.

 

LA PARTITA

Juve in campo con il 4-3-1-2: davanti a Szczęsny ci sono Cuadrado, Rugani, Chiellini e Alex Sandro. In mezzo al campo Emre Can, Pjanic e Bentancur; Dybala trequartista, Mandzukic e Ronaldo in avanti.

Moreno Longo risponde disegnando il Frosinone con un 3-5-2 formato da Sportiello tra i pali, Goldaniga, Salamon e Capuano a comporre il trio difensivo. Zampano, Chibsah, Maiello, Hallfredsson, e Molinaro sono i protagonisti della linea mediana. Campbell e Perica il tandem d'attacco.

Il primo guizzo del match è di marca bianconera (oggi in grigio con bande fluo), con Ronaldo che impegna Sportiello: il portiere di casa tocca la sfera smorzandola ma non fermandola, prima che questa entri in porta però ci pensa Capuano a salvare sulla linea. Al 13' ancora Ronaldo conclude da fuori, tiro debole blocca Sportiello. CR7 non demorde e ci riprova al 20' con maggior forza, l'estremo difensore di casa è attento e respinge.

Al 27' calcio di punizione interessante per gli ospiti: sul punto di battuta Ronaldo e Dybala, calcia il portoghese ma sulla barriera. Nel giro di due minuti i primi ammoniti della sfida, uno per parte: Bentancur e Perica. Al 31' è Rugani ad andare vicinissimo alla segnatura, la sua girata da centro area termina di poco alta.

Il Frosinone si difende senza lasciare spazi alla manovra offensiva dei campioni d'Italia, la squadra di Allegri prova a sbloccare la contesa con tiri da fuori area: al 35' con Ronaldo e al 40' con Cuadrado, in entrambi i casi la mira risulta sballata. Il finale di tempo non offre scossoni, si va così all'intervallo sullo 0-0.

Il secondo tempo inizia senza novità, ma con la Juve immediatamente dalle parti di Sportiello: Bentancur tenta la via del gol dal limite dell'area, palla out ma non di molto. Al 48' cambio nel Frosinone: problemi per Maiello, al suo posto Crisetig. Al 56' Allegri prova a scuotere i suoi: dentro Bernardeschi fuori Bentancur, si passa al 4-2-3-1. Il numero 33 praticamente al primo pallone toccato offre a Ronaldo una ghiotta palla gol che CR7 sciupa a pochi metri dalla linea di porta. Al 61' punizione di Dybala, barriera piena.

La Vecchia Signora insiste e al 63' Ronaldo,addirittura di tacco, trova Sportiello proteso in uscita a negargli la gioia del gol. Il muro eretto dei ciociari sembra davvero insuperabile. Al 69' cross di Bernardeschi dalla sinistra, sul secondo palo si coordina Cuadrado ma senza fortuna. È l'ultima azione del colombiano che lascia il posto a Cancelo.

Il primo pallone toccato dall'ex interista è un gran cross per la testa di Mandzukic, il croato colpisce ma senza superare Sportiello. Al 78' Emre Can reclama un penalty per un presunto tocco di mano non ravvisato dall'arbitro, al 79' l'occasione più nitida della sfida: diagonale di Alex Sandro che fa la barba al palo ed esce. All'81' crolla il muro del Frosinone: il tiro di Pjanic è sporcato da una deviazione, ma la palla finisce sui piedi di Ronaldo che non ci pensa due volte e buca Sportiello. Attimi di attesa per un possibile fuorigioco di CR7, il VAR ci lavora su ma non ci sono irregolarità. Bianconeri avanti 1-0.

5 minuti di recupero prima del fischio finale: c'è tempo ancora per il 2-0 di Bernardeschi, autentico MVP della partita. Con più fatica del previsto la Juve centra così la quinta vittoria consecutiva, risultato che ad un certo punto della serata non sembrava così scontato.

 

IL TABELLINO

FROSINONE - JUVENTUS 0-2

RETI: Ronaldo al 37', Bernardeschi al 49' s.t.

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salamon, Capuano; Zampano, Chibsah, Maiello (dal 3' s.t. Crisetig), Hallfredsson (dal 40' s.t. Cassata), Molinaro; Campbell (dal 26' s.t. Ciano), Perica.

A DISPOSIZIONE: Bardi, Ariaudo, Brighenti, Krajnc, Ghiglione, Beghetto, Soddimo, Pinamonti, Ciofani.

ALLENATORE: Moreno Longo.

 

JUVENTUS (4-3-1-2): Szczęsny; Cuadrado (dal 24' s.t. Cancelo), Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Emre Can, Pjanic, Bentancur (dall'11' s.t. Bernardeschi); Dybala, Mandzukic (dal 40' s.t. Matuidi), C. Ronaldo.

A DISPOSIZIONE: Perin, Pinsoglio, Benatia, Bonucci, Kean.

ALLENATORE: Massimiliano Allegri.

 

ARBITRO: Piero Giacomelli di Trieste.

AMMONITI: Bentancur, Perica, Molinaro, Sportiello.

Roberto Vassallo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium