/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | giovedì 11 ottobre 2018, 07:48

Open district Moncalieri: un debutto "reale" tra design, arte e fashion

Dal 19 al 21 ottobre la manifestazione è ospitata al Castello e presso il Giardino delle Rose: 22 i creativi presenti con le loro opere

Open district Moncalieri: un debutto "reale" tra design, arte e fashion

Il design, l’arte e il fashion hanno trovato una nuova casa sulla sommità di una collina. L’evento dell’associazione Golfart dedicato alla creatività in tutte le sue forme diventa itinerante: nasce la prima edizione di Open District Moncalieri, dal 19 al 21 ottobre al Castello Reale e nel Giardino delle Rose di piazza Baden Baden 4.

Sono ventidue i creativi che parteciperanno alla manifestazione, con opere che riempiranno tutti i cinque sensi, dal tatto al gusto: da abiti su misura, con tessuti riciclati e stoffe dai colori unici, ai monili dalle forme stravaganti, passando per il dolce tratto del carboncino su una tela e da una poltrona/scultura disegnata da Ugo Nespolo fino al sapore del nettare degli dei.

Quattro le sezioni: per il “Fashion” Lorena Giannini con la sua Sartoria Artigiana, Daniela Castore di Episodiozero, Alice Viria Capelli e le sue Autopsie Vestimentaire, Ef Abbigliamento di Francesca Graneri e Eleonora Meinardi, Paola Anastasio con Tacco Dodici e la sartoria Ge.Lo di Loredana Gelli; Paolo Bona, Neva Tamburino, Renato Marchi, Franco Turcati, Claudio Bellino e l’Atelier Insense di Adriano Rosso per la parte “Art”; nel “Design” Diego Maria Gugliermetto, Unique Pieces di Patrizia Cattana, Britartdesign di Attilio Colombrita, Avbm Arredi su Misura, Claudia Cazzaniga con Labiinfiore e Marita, di Maria Rita Perciavalle.

E un’ulteriore novità di quest’edizione autunnale dell’evento, la nascita di una quarta edizione, il “Food”, con le Aziende agricole San Matteo e Arcobio, lo Champagne Louis Follea e i prodotti sardi di Su Talleri.

Open District Moncalieri spalancherà le porte del Castello e del suo Giardino dalle 11 alle 23 di venerdì, sabato e domenica: l’entrata è gratuita e ogni giorno ci saranno workshop e conferenze con artisti, musica e food truck sempre aperti.

L’inaugurazione avrà luogo il venerdì 19 ottobre alle 18, accompagnata dal concerto “Fiumi di Note” del Duo Putrino/Tarizzo proposto dall’Orchestra da Camera Giovanni Battista Polledro: la rassegna ha come obiettivo il sostegno ai ragazzi che si occupano di musica classica, ma anche avvicinare un pubblico giovane a quell’arte tramite accordi e collaborazioni con associazioni come la Golfart, che avviano progetti in ambito creativo.

«Non posso che essere felice e soddisfatto di questa edizione di Open District, che non avrei mai potuto realizzare senza la collaborazione della Città di Moncalieri e della sua assessora alla Cultura Laura Pompeo. Torneremo a Torino la prossima primavera con la quarta edizione, ma l’idea è dare alla manifestazione una nuova fisionomia, quella di kermesse itinerante. Un format in grado di viaggiare per le città del territorio e adattarsi a location sempre nuove, grazie alla duttilità dei nostri artisti», dichiara il presidente dell’associazione Golfart Pegi Limone.

«E’ la prima volta che Open District viene realizzato a Moncalieri, ne siamo molto soddisfatti e speriamo che questa sia solo la prima edizione di molte altre. D’altronde il tema del design ci sta molto a cuore ed è nelle nostre corde: la storia di Moncalieri, dagli anni ’60 in avanti, si è legata come molti altri luoghi alla Fiat e ha sviluppato delle sue peculiarità. Senza dimenticare che l’organizzatore stesso, Pegi, fa parte di un pezzo di storia della città a partire dalle Fonderie Limone: è come un cerchio che si chiude», sono le parole dell’assessore alla Cultura Laura Pompeo.

Open District Moncalieri è infatti organizzato grazie al sostegno della Città di Moncalieri, la collaborazione di Turismo Torino, Orchestra da Camera Giovanni Battista Polledro, Casa delle Lampadine e i patrocini del Consiglio Regionale, Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e Camera di Commercio di Torino.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore