/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 12 ottobre 2018, 13:16

23/11/2018: Un doveroso tributo ai tanti, innumerevoli, ‘malati di Calcio’, con il cuore gonfio di Passione.

Presso il Campus Einaudi, un incontro per discutere del rapporto tra tifoso e società di calcio, analizzando aspetti giuridici e ripercussioni in ambito istituzionale. Con diretta streaming su Torino Oggi

23/11/2018: Un doveroso tributo ai tanti, innumerevoli, ‘malati di Calcio’, con il cuore gonfio di Passione.

Dall’avvento della Tessera del Tifoso all’attuale provvedimento denominato ‘Daspo societario’, tanta acqua è passata sotto i ponti. 

Una vera e propria giurisprudenza da gradinata è entrata a far parte del lessico popolare e termini come ‘diffida’ o ‘discriminazione territoriale’, sono all’ordine del giorno, utilizzati trasversalmente in ogni dove. 

Il fenomeno Ultras è sulla bocca di tutti, seppure, a onor del vero, gli scontri tra opposte tifoserie siano in calo vertiginoso e si annoverino solo più sporadici casi di ‘violenza da stadio’. 

La morfologia dei frequentatori degli stadi cambia intanto repentinamente, con la complicità del ‘caro biglietti’, che relega ai margini della frequentazione quelle fasce sociali meno abbiette. 


Il panorama è mutato radicalmente nel corso di un decennio e il Calcio italiano sale velocemente la china per tentare di riconquistare il posto al sole negatogli negli ultimi anni dai competitor stranieri. 

La vera e propria locomotiva del treno calcistico della nostra penisola è il Juventus Football Club, che ha nettamente sovrastato, non solo in ambito sportivo, le altri pretendenti. Lo Stadium è diventato il vero e proprio ‘test’ su cui confluiscono le riflessioni sul presente e futuro calcisitico. 

Se la società bianconera ha però investito e creato un potenziale tale da poter proiettarsi con grande ambizione in Europa, le comprimarie non paiono all’altezza, in primis come mentalità dirigenziale, di far salire il livello del Calcio italiano. 

Purtroppo primeggia la concezione tipica italiana del massimo risultato (nel caso specifico leggasi ‘provento’) con il minimo sforzo. Mi spiego meglio, per non dare adito a incomprensioni o equivoci, ormai di gran spolvero in questi ultimi tempi. 

Se la Juventus con Ronaldo ha dato vita a un’operazione economica di grande lustro, le altre Società sono state in grado di recepire il potenziale intrinseco dell’acquisto bianconero, solo ‘sfruttando’ l’opportunità della partita casalinga contro i Campioni d’Italia. 

Una spirale che ha dato vita all’aumento dei prezzi per i Settori Ospiti quando gioca la Juventus, innescando un pericoloso e vertiginoso gioco al rialzo. Di cui paga gli effetti pantalone (che non a caso è in abito bianconero). Stadi con visuali pessime, con condizioni igieniche al limite della decenza, oltre a servizi ancor più pessimi, quando esistenti. Argomento di cui ho già ampiamente trattato, per i lettori di questa modesta rubrica. 

L’esigenza però di un confronto che sia stimolo al dibattito, che induca a riflettere su tematiche che, per rilevanza acquisita, sono ormai di portata ‘nazionale’, ha indotto l’Associazione che rappresento, a dar vita a un importante evento. 

Venerdì 23 novembre, presso la Sala del Campus Einaudi, si parlerà del rapporto intrinseco tra il tifoso e le Società calcistiche, con un’analisi mirata all’aspetto giuridico e le sue ripercussioni in ambito istituzionale. 

Legali spesso citati per essersi occupati di vicende inerenti le problematiche da stadio, analizzeranno nello specifico l’evolversi del panorama giuridico in materia. Parlamentari avvezzi a tali tematiche, vuoi perché prima di diventare Onorevoli o Senatori sono stati degli habitué delle curve calcistiche o perché hanno approfondito con zelo l’argomento, entreranno nel contesto più marcatamente ‘istituzionale’. 

La platea che, per adesioni in arrivo da ogni dove, appare molto simile a quella di uno Stadio, saprà recepire il grande sforzo organizzativo svolto. Un doveroso tributo ai tanti, innumerevoli, ‘malati di Calcio’, con il cuore gonfio di Passione. 

Per quelli che, per distanza, impegni o altro, non potranno essere partecipi, la diretta streaming di Torino Oggi, li renderà partecipi. 

Beppe Franzo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore