/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | giovedì 18 ottobre 2018, 20:32

In ricordo di Alfredo Frassati, un convegno a Palazzo Lascaris per analizzarne la figura

Nel 150° anniversario della nascita. Il ricordo del presidente del Consiglio regionale Nino Boeti

In ricordo di Alfredo Frassati, un convegno a Palazzo Lascaris per analizzarne la figura

"In un mondo in cui persone tracciano la strada con fatica e altre stanno a guardare e a giudicare, Alfredo Frassati e la sua scelta di assumersi compiti e responsabilità di classe dirigente appartiene di diritto al primo gruppo. Fu senza dubbio un modernizzatore e il suo modello era quello dei quotidiani tedeschi".

"Giolittiano neutralista durante la I guerra mondiale e antifascista, quando l'8 luglio 1924 entrò in vigore il decreto che aboliva in Italia la libertà di stampa scrisse: 'Proprio in un momento in cui tutti toccano con mano i tristissimi effetti di un regime compressore di libertà, proprio oggi il Governo si decide a colpire una libertà così essenziale come quella della stampa con un colpo mortale'". Lo ha ricordato il presidente del Consiglio regionale Nino Boeti nel corso del convegno “Alfredo Frassati. Un grande piemontese a 150 anni dalla nascita”, che il Consiglio regionale del Piemonte, in collaborazione con il Centro Pannunzio, ha organizzato oggi a Palazzo Lascaris.

In apertura il presidente Boeti ha anche letto il telegramma inviatogli per l'occasione dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha definito l'iniziativa "di grande interesse e attualità, perché non ha mai termine l'esercizio della libera critica in una società democratica" e la lezione umana e morale di Frassati "a distanza di oltre un secolo, un'eredità impegnativa per quanti siano pensosi del progresso dell'Italia".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore