/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | giovedì 08 novembre 2018, 09:15

Togni, il cognome che vuol dire "circo" a Torino dal 16 novembre al 16 dicembre

Lo spettacolo "Bellissimo" vuole celebrare 55 di attività su tre piste

Togni, il cognome che vuol dire "circo" a Torino dal 16 novembre al 16 dicembre

Dal 16 novembre al 16 dicembre il Circo Americano della famiglia Togni, il più grande circo del mondo a 3 piste torna a Torino e sarà l’occasione per festeggiare i 55 anni di attività di questa insegna! Dopo la chiusura negli Stati Uniti del glorioso Circo Barnum, si tratta dell’unico circo del mondo a 3 piste, una città viaggiante composta da 50 animali di 4 specie diverse e oltre 100 persone, tra artisti, tecnici e personale specializzato nell’installazione dell’enorme chapiteau, una tensostruttura di duemila metri quadrati che ospita 2000 posti a sedere e per il cui montaggio sono necessari quattro giorni di lavoro. 


Per l’occasione la famiglia Togni, produttrice dell’American Circus, ha preparato “Bellissimo”, un grande show per i 250 anni del circo equestre (fondato a Londra dal sergente britannico Philip Astley) con artisti laureati nei più importanti festival del mondo, spericolati acrobati, intrepidi domatori, maestri del brivido, giocolieri dalle abilità multiformi. 2 ore di spettacolo con 80 artisti provenienti da Mongolia, Bulgaria, Russia, Italia, Romania, Portogallo e Italia coordinati da Flavio Togni, l’artista più premiato al Festival del Circo di Monte Carlo che grazie al rapporto instaurato con i suoi animali, ha ricevuto dalle mani della Principessa di Monaco l’Oscar del Circo, l’ambito Clown d’Oro e tre Clown d’Argento. Flavio Togni, che nella sua carriera ha addestrato oltre 500 animali (tra elefanti, cavalli e tigri) sarà protagonista di uno spettacolare carosello equestre sulle tre piste, insieme a Daniele e Cristina Togni. Tra le soprese la prima nazionale di Bruno Togni con un maestoso gruppo di tigri, gli acrobati bulgari Kovatchevi impegnati in una performance mozzafiato alla ruota della morte, gli ormai rari elefanti indiani, vero segno distintivo dell’American Circus e un grande finale con giochi pirotecnici, ballerine e contorsioniste provenienti dal Cirque du Soleil che chiuderà le due ore di show arricchito da parate e coreografie aeree. Risate assicurate con il clown portoghese Joy Costa esponente di una comicità fresca e briosa che diverte grandi e bambini. A fare gli onori di casa la quinta generazione della famiglia Togni reduce dall’International Circus Festival of Italy dove a ottobre ha ottenuto il primo premio, il Latina d’Oro, come massimo riconoscimento per le proprie esibizioni (gruppo di tigri, cavalli d’alta scuola e trapezio).

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore