/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 05 dicembre 2018, 18:53

Manifestazione No Tav, i dirigenti della Cgil Torino e Piemonte: "Ecco perché l'8 dicembre ci saremo"

"Le difficoltà del nostro territorio non possono risolversi con le grandi infrastrutture viarie"

Manifestazione No Tav, i dirigenti della Cgil Torino e Piemonte: "Ecco perché l'8 dicembre ci saremo"

 

"I segnali di ripresa in Piemonte e nella città di Torino sono, ancora oggi, troppo timidi per pensare che le difficoltà del nostro territorio, che continua ad avere una situazione economica e occupazionale più difficile rispetto alle altre realtà del Nord, possano risolversi con le grandi infrastrutture viarie". Lo scrivono in una lettera aperta i dirigenti della Cgil Torino e Piemonte, per spiegare la loro partecipazione alla manifestazione No Tav del prossimo 8 dicembre.

"Pensiamo si debbano mettere in campo investimenti pubblici e privati ed azioni che siano in grado di creare occupazione, e che si debba intervenire sui tanti punti di debolezza: dimensione ridotta delle imprese; scarsità di rapporto delle aziende tra di loro per la costruzione di filiere; scarsa capacità di trasferimento tecnologico; debole rapporto tra formazione, innovazione ed esigenze produttive; scarsa quantità e qualificazione del lavoro; sistema di welfare non adeguato a rispondere alle evoluzioni demografiche e sociali. Su questi elementi, e non sulla linea ad alta velocità Torino Lione, dovrebbe focalizzarsi l’attenzione delle amministrazioni pubbliche, a partire dalla Città di Torino e dalla Regione Piemonte, e dalle imprese".

"Anche per queste ragioni - si conclude la lettera - esprimiamo la nostra contrarietà alla costruzione della TAV Torino Lione e parteciperemo alla manifestazione di sabato 8 dicembre. Le previsioni di movimentazione dei volumi delle merci in ambito transnazionale non ci sembra possano giustificare la costruzione di una linea ferroviaria così costosa; le risorse potrebbero essere più utilmente ed immediatamente utilizzate in altre direzioni: potenziamento e messa in sicurezza delle linee già esistenti, riuso degli spazi urbani, messa a norma ed efficientamento energetico degli edifici, a partire da quelli pubblici, investimenti per il risparmio e produzione di energia da fonti rinnovabili, messa in atto di interventi per il riassetto idrogeologico del territorio, rilancio del trasporto locale, investimenti per rilanciare, innovando, l'apparato industriale a partire dal settore auto e della mobilità".

"Queste, sì, scelte utili a rilanciare il nostro territorio sul piano produttivo ed occupazionale, per contribuire ad una svolta verso una economia sostenibile, sia sociale che ecologica. Siamo compagne e compagni della Cgil di Torino e del Piemonte che hanno condiviso la scelta della Camera del Lavoro di Torino di approvare, a larga maggioranza, un ordine del giorno fortemente critico sulla Tav e che sentono il bisogno di operare perché si sviluppi un movimento sempre più largo che si batta per un ipotesi di sviluppo alternativo per Torino ed il Piemonte".

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore