/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 13 dicembre 2018, 12:21

Lavoratori Tundo, Palazzo Civico continua a fare promesse: "Entro Natale una parte degli stipendi"

Questa mattina una parte dei 120 autisti e accompagnatori che svolgono il trasporto disabili per conto del Comune hanno deciso di sospendere il servizio, radunandosi in protesta davanti l Monicipio

Lavoratori Tundo, Palazzo Civico continua a fare promesse: "Entro Natale una parte degli stipendi"

Fumata grigia dall'incontro tra l'Amministrazione e i lavoratori della Tundo. Questa mattina una parte dei 120 autisti e accompagnatori che svolgono il trasporto disabili per conto del Comune hanno deciso di sospendere il servizio, radunandosi in protesta davanti a Palazzo Civico per chiedere un incontro con il sindaco Chiara Appendino. Da cinque mesi i dipendenti non ricevono lo stipendio, con un continuo rimpallo di responsabilità tra Tundo e l'Amministrazione.

Il faccia faccia tra lavoratori e gli assessori Guido Montanari, Federica Patti e Maria Lapietra sembra però aver portato ad una prima soluzione.  "Tundo - spiega Giuliano Vergari della Rsa Fisal - si è impegnata entro oggi a dare i cedolini. Se questo non dovesse accadere per Natale Palazzo Civico verserà un anticipo sulle buste paga mancanti." Lo stipendio medio di un autista è circa di 1.500 euro, mentre quello di un accompagnatore di circa 700: il Comune di Torino, in caso di assenza di risposta da Tundo, provvederà a darne una parte.

Sul capo dei lavoratori pende un'altra spada di Damocle, quella del bando. Il 20 dicembre dovrebbe essere finalmente pubblicato la gara per il servizio, in ritardo su quanto annunciato inizialmente. La speranza dell'Amministrazione sarebbe quella di avere un nuovo gestore del trasporto disabili per la riapertura delle scuole - prevista il 7 gennaio - ma da un punto cronologico risulta difficile. "Un nuovo bando - commenta il capogruppo dei Moderati Silvio Magliano - emesso appena dieci giorni prima rispetto alla naturale scadenza del vecchio, prevista il 31 dicembre, è un’assurdità".

"Concordo al cento percento con chi definisce inadeguato, approssimativo e inconsapevole l’atteggiamento di questa Amministrazione, efficientissima quando si tratta di tagliare nastri e fare presenza, impalpabile quando si tratta di risolvere i problemi", conclude Magliano.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium