Politica - 16 dicembre 2018, 07:16

Pd, oggi le primarie in 160 seggi alla ricerca del nuovo segretario del Piemonte

Candidati alla successione di Davide Gariglio la consigliera comunale di Torino Monica Canalis, il biellese Paolo Furia e il senatore dem Mauro Marino.

Pd, oggi le primarie in 160 seggi alla ricerca del nuovo segretario del Piemonte

Oggi si svolgeranno le primarie aperte per l'elezione del Segretario del Partito Democratico del Piemonte. Candidati alla successione di Davide Gariglio, la consigliera comunale di Torino Monica Canalis, il biellese Paolo Furia e il senatore dem Mauro Marino.

I 160 seggi - sparsi su tutto il territorio regionale- saranno aperti dalle ore 8 alle ore 20. Per trovare il proprio si può cliccare su questo link www.pdpiemonte.it/2018/12/trova-il-tuo-seggio-vieni-a-votare/. Potranno votare anche i minori, di almeno 16 anni, e i cittadini stranieri muniti di permesso di soggiorno.

Per esprimere la propria preferenza è necessario portare la carta d’identità e la tessera elettorale, oltre a due euro per contribuire alle spese organizzative. Si voterà anche per rinnovare l'Assemblea Regionali, scegliendo tra 877 candidati (al seguente link i nomi www.pdpiemonte.it/2018/12/le-liste-dei-candidati-allassemblea-regionale/).

Di seguito l'appello al voto dei tre candidati.

Monica Canalis: "In un momento difficile per l’Europa, per l’Italia e per il Piemonte, ho deciso di metterci la faccia e di accettare di candidarmi per il ruolo di Segretario del PD del Piemonte.  Per mettere a disposizione la mia esperienza professionale, all’estero e in Italia, la mia esperienza personale nel mondo cristiano della solidarietà e dell’educazione dei giovani e la mia decennale esperienza politica alla guida della Scuola di Formazione del PD piemontese. Vorrei che la mia candidatura, femminile e fuori dagli schemi, aiutasse tante persone a riavvicinarsi alla politica e al Partito Democratico.  Il PD deve ripartire e per farlo ha bisogno di volti nuovi.  Mobilitiamoci per riabilitare la dignità della politica".

Paolo Furia: "Ho deciso di candidarmi a segretario regionale del PD perché il nostro partito oggi deve essere ricostruito per non morire. C'è bisogno di realizzare un'alternativa a Lega e 5 stelle. Tanta gente la chiede, non sapendo più dove sbattere la testa. Il Partito Democratico può essere questa alternativa, solo se saprà scommettere su un rinnovamento di qualità che rimetta al centro alcuni temi fondamentali. Il lavoro, da creare e da difendere, anche recuperando un rapporto con i sindacali e con quelle categorie di nuovi lavoratori perlopiù ignorati dalla politica. L'ambiente, perché la cura del territorio, la manutenzione di torrenti e sentieri, la gestione accorta delle tante aree dismesse, il consumo di suolo "meno di zero" (il recupero di verde dal costruito), le fonti di energia rinnovabili sono il futuro. L'Europa, che sia opportunità per tutti e che sia più equa, più generosa, più solidale. Ci vuole un Partito meno degli eletti e più dei cittadini. Porto l'esperienza, spesso ignorata o sottovalutata, dei "militanti di base" (sono consigliere comunale a Biella e sono stato lì segretario provinciale del Partito). Un partito più all'altezza delle persone e delle loro vite correnti sarebbe già un modo per uscire dalle stanze chiuse in cui i cittadini troppo spesso ci hanno percepiti".

Mauro Marino: "Queste primarie rappresentano un punto di svolta da cui ripartire per costruire un PD inclusivo e coinvolgente che ponga al centro le persone, e sono un'occasione per ridefinire la nostra mission, partendo dalle radici delle culture che hanno dato vita al PD per proiettarci verso il futuro della sfida delle elezioni regionali. Amare il Piemonte, amare il Pd vuol dire non arrenderci alla paura e impegnarci per la nostra comunità, per i nostri territori per contrastare le disuguaglianze sociali ed estendere i diritti".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
SU