/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 31 dicembre 2018, 11:20

Perosa Argentina si gioca la carta del dialogo con Pinasca per ritornare al passato

Obiettivo: salvare l’autonomia dell’Istituto comprensivo perosino

Perosa Argentina si gioca la carta del dialogo con Pinasca per ritornare al passato

Le scuole in Val Chisone e Val Germanasca stanno patendo da anni l’effetto dello spopolamento e della bassa natalità e per l’Istituto di Perosa è sempre più difficile far quadrare i conti e difendere la qualità e l’autonomia del servizio.

Per questo motivo la dirigente scolastica Loredana Grabbi ha anche indetto una riunione aperta alle famiglie (peraltro con solo una settantina di partecipanti). Dall’incontro che si è tenuto, prima di Natale, al CineTeatro Piemont è emerso un quadro complessivo che dire complicato è poco. Roure e Fenestrelle rischiano di perdere una delle due pluriclassi e assieme ai Comuni di Pragelato e Usseaux hanno chiesto una deroga per salvare il servizio.

Perrero per il prossimo anno scolastico ha 13 iscritti alle elementari e l’esistenza del suo plesso è fortemente a rischio. Ma c’è anche un’altra preoccupazione importante: visti i dati demografici e la tendenza delle iscrizioni, in bilico c’è l’autonomia dell’Istituto, che supera di poche decine di iscritti la quota minima di 500.

Per questa ragione il sindaco perosino Andrea Garavello ha aperto una strada, che sarebbe un ritorno al passato, ma toglierebbe l’ansia di quota 500. “Ho proposto a Pinasca di ritornare sotto il nostro Istituto comprensivo, come era un tempo. Con gli iscritti delle loro elementari e della materna, il problema sarebbe risolto”, spiega Garavello.

Cosa ne pensano i vicini, che oggi sono sotto il Comprensivo di Villar Perosa? “È un’ipotesi da valutare e capire cosa implica nel concreto”, risponde il sindaco pinaschese Roberto Rostagno.

La porta del dialogo è quindi aperta, ma i tempi saranno lunghi: intanto perché in primavera entrambi i Comuni vanno al voto e poi, anche trovassero un’intesa, questa andrà condivisa con la Regione, nella speranza di ottenere quanto verrà proposto.

Marco Bertello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore