/ Cronaca

Cronaca | 02 gennaio 2019, 18:15

Adozioni internazionali: la torinese Cifa Onlus si conferma capofila nel 2018 con 123 procedure

Il numero di iter portati a termine è in lieve aumento rispetto allo scorso anno. "Dietro ogni numero c'è un bambino in carne e ossa e il suo diritto ad avere una famiglia"

Adozioni internazionali: la torinese Cifa Onlus si conferma capofila nel 2018 con 123 procedure

Ancora una volta Cifa Onlus, ente laico e apartitico nato a Torino nel 1980, si conferma l’Ente Autorizzato italiano che ha portato a termine il maggior numero di adozioni. Grazie a Cifa, infatti, nel 2018 si sono formate 123 nuove famiglie, che hanno permesso a 137 bambini di vedere rispettato il loro diritto più importante, quello di avere una famiglia.

I bambini che hanno potuto abbracciare finalmente la loro mamma e il loro papà arrivano dalla Cina (49 adozioni), dal Brasile (2 adozioni), dalla Federazione Russa (30 adozioni e 38 bambini), dalla Bulgaria (10 adozioni e 12 bambini), dall’Etiopia (6 adozioni), Filippine (10 adozioni e 11 bambini), Perù (5 adozioni e 7 bambini), Ucraina (7 adozioni e 8 bambini), India (4 adozioni).

“Si tratta di un primato che ci riempie di orgoglio – commenta il presidente Gianfranco Arnoletti -, perché dietro a ogni numero ci sono un bambino in carne e ossa e il suo diritto ad avere una famiglia, diritto finalmente rispettato. Resta però la preoccupazione per un futuro decisamente incerto per questa preziosa forma di genitorialità, che spesso viene dimenticata dalle istituzioni. I figli che vengono adottati non sono figli di serie B, così come non sono di serie B i genitori che adottano: proprio per questo auspichiamo che l’adozione possa tornare ad avere l’attenzione che merita”.

Cifa, oltre che a Torino, ha sedi anche a Milano, a Venezia, ad Ancona, a Roma e a Bitonto ed è operativo in tutta Italia.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium