/ Politica

Politica | 21 gennaio 2019, 11:20

Uncem con Asproflor per il marchio "Comuni Fioriti"

Prosegue l'azione per migliorare ambiente, benessere e accoglienza

Uncem con Asproflor per il marchio "Comuni Fioriti"

Un marchio che certifichi la qualità dell'ambiente per i Comuni attenti al buon vivere e all'accoglienza turistica. Il marchio "Comuni fioriti", lanciato da Asproflor, l'Associazione dei Produttori florovivaisti, si trasforma dopo quindici anni, passando da concorso a certificazione.

Uncem conferma il massimo supporto, a livello nazionale, al marchio e alla rete di Comuni. "Saremo partner anche nel 2019", conferma Marco Bussone, presidente nazionale. Un'evoluzione naturale per un progetto che nei lunghi anni ha messo in sfida oltre 1500 Comuni vicini al motto "fiorire è accogliere" con l'obiettivo di far crescere e diffondere in Italia la cultura del verde e delle fioriture nelle città. Da quest’anno si cambia, i Comuni non si sfideranno più tra di loro ma ogni paese crescerà per se stesso, perseguendo l’obiettivo di soddisfare alcuni parametri già fissati che consentiranno di ottenere la certificazione di "Comune Fiorito".

A Pomaretto, nell'Unione montana Valli Chisone e Germanasca (Torino), a novembre ci sarà la festa finale dei Comuni fioriti: un evento supportato da Uncem, come già nel 2018 con la premiazione all'Eima di Bologna. Il marchio di qualità per l'ambiente di vita, identifica un contesto urbano ordinato, pulito, curato in ogni aspetto del buon vivere, ovviamente senza tralasciare la cura del verde pubblico e la presenza dei fiori, che rimangono elementi imprescindibili per un elevato benessere di vita e a una mirata accoglienza turistica. I Comuni otterranno sempre il cartello con la valutazione espressa in numero di fiori variabili da uno a quattro, ma cambieranno i criteri di valutazione. Le fioriture, infatti, rappresenteranno solo il 60% del giudizio mentre entrano in valutazione, il decoro urbano per un 20% e la sostenibilità ambientale per l'altro 20%.

Un occhio quindi alla tenuta delle piazze, dei parchi, della comunicazione visiva, delle percentuali di raccolta differenziata e di iniziative a sostegno della tutela ambientale. Tra le novità anche la valutazione della cura dei Cimiteri. Certificare la propria città significherà quindi dare una identità di luogo altamente curato. In queste direzioni, Uncem ha confermato ad Asproflor il pieno sostegno e supporto, già a partire da febbraio con la diffusione delle linee guida della certificazione a tutti i Comuni italiani.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium