/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 25 gennaio 2019, 17:18

Torino-Lione, il tessuto economico spinge per la pubblicazione dei nuovi bandi

"E' scaduto il termine di sospensione fissato dai due governi, si rischiano responsabilità per danni o perdita di contributi". Le sigle presenzieranno a tutti i lavori parlamentari legati al TAV

Torino-Lione, il tessuto economico spinge per la pubblicazione dei nuovi bandi

Tornano a far sentire la propria voce le componenti economiche del territorio torinese sul fronte Torino-Lione. E lo fanno con un appello a Telt, affinché proceda con la pubblicazione dei bandi di gara previsti. "E' scaduto il termine di sospensione fissato dai due governi al 31 dicembre - si legge nella nota congiunta che hanno diffuso le 33 sigle, tra realtà datoriali e sindacati di settore - e bisogna procedere per scongiurare azioni di responsabilità per danni o perdita di contributi".

I rappresentanti del sistema delle imprese, del lavoro, della cooperazione e delle professioni, che si sono riuniti nel primo pomeriggio di oggi, hanno voluto evidenziare come "confermata, sottolineata e ribadita l’esigenza del sistema dell’economia locale nei confronti della realizzazione della linea Tav Torino-Lione". 

"E’ confermato - prosegue la nota - il sostegno del sistema dell’economia locale all’Osservatorio Torino-Lione. Le associazioni sono pronte a sostenere anche le modalità più opportune per il proseguimento dei lavori dello stesso nelle sedi e forme più consone, anche dal punto di vista dell’indipendenza e dell’operatività".

E dopo qualche giorno di silenzio sul tema, tornano d'attualità anche le dichiarazioni e le accuse che sono tornate a rimbombare in tempi recenti. "Riteniamo irricevibili e inammissibili dichiarazioni che tendono a descrivere il sistema della produzione e del lavoro come espressione di ambienti non limpidi o, addirittura, collegati all’illegalità. E’ stato quindi stabilito di monitorare i termini per eventuali azioni legali nei confronti di chiunque avvalori interpretazioni o immagini di questo genere".


Ma accanto alle parole, l'economia del territorio è anche pronta a muoversi in prima persona. Tanto da voler "presenziare a tutte le occasioni di lavori Parlamentari che esamineranno il tema della Torino-Lione. In quest’ottica, verrà anche richiesta una audizione del sistema dell’economia locale presso le Commissioni Parlamentari congiunto che si possono occupare dell’opera".

Il documento vede aderire, come è ormai abitudine, le sigle di API Torino, CONFAPI Piemonte, Unione Industriale Torino, AMMA, Federmeccanica, Confindustria Piemonte, CNA Torino, CNA Piemonte, Confartigianato Torino, Confartigianato  Piemonte, Ascom Torino, Confcommercio Piemonte, Confesercenti Torino, Confagricoltura Piemonte, Cia, ANCE Torino, ANCE Piemonte, Collegio Edile Confapi Torino, Federalberghi Torino, Federalberghi Piemonte, CDO Piemonte, Legacoop Piemonte, Confcooperative Torino/Piemonte Nord, Giovani di Yes4To, Consulta degli Ordini e Collegi Professionali Torino, Unioncamere Piemonte, Ordine degli Architetti di Torino, Ordine Commercialisti Torino, Fim Cisl Torino, Fismic, Fillea Cgil Torino, Filca Cisl Torino e Feneal Uil Piemonte.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium