/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 22 febbraio 2019, 12:55

Corteo degli studenti a Torino, uova contro la polizia: gli agenti caricano sotto il Miur. Manifestazione conclusa poco prima delle 13

Momenti di tensioni in corso Vittorio e corso Matteotti: uova contro la polizia, studenti caricati. Quando i manifestanti arrivano di fronte alla Prefettura solo cori ma nessun allarme. La promessa finale: "La prossima settimana occuperemo tutte le scuole"

Corteo degli studenti a Torino, uova contro la polizia: gli agenti caricano sotto il Miur. Manifestazione conclusa poco prima delle 13

Prosegue il corteo degli studenti, scesi in piazza a Torino e in altre città italiane per protestare contro il Governo.

Il corteo ha provato ad avvicinarsi al Miur, trovandosi davanti gli agenti antisommossa. Fermati in corso Re Umberto e corso Vittorio Emanuele, gli studenti hanno lanciato uova contro la polizia e si sono avvicinati con lo striscione verso gli agenti in antisommossa.

Piccola carica di alleggerimento e tensione, con cori contro le forze dell’ordine. Nessun manifestante è stato fermato e gli studenti hanno proseguito la loro marcia verso il centro città.

Passato il momento di tensione, il corteo ha marciato verso la Prefettura: “È il simbolo di questo Governo”, hanno urlato a gran voce gli studenti. In via Accademia Albertina i ragazzi si sono messi a correre con il chiaro obiettivo di mobilitare la polizia. Sotto la Prefettura cori ma nessuna tensione. Verso le 12.15 il corteo ha fatto marcia indietro e ha percorso via Pietro Micca verso via Cernaia, in direzione di piazza Arbarello.

“Questo non è il corteo di Renzi”, hanno urlato a gran voce gli studenti dopo che il Partito Democratico e il comitato Si, Torino va Avanti si erano schierati a favore della protesta. La manifestazione, dopo un lungo giro tra le vie limitrofe di piazza Arbarello, si è conclusa attorno alle 12.50 là dove era cominciata.

Gli studenti hanno dato vita a un’assemblea proprio in mezzo alla piazza: “La prossima settimana occuperemo tutte le scuole”.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium