/ Nuove Note

Che tempo fa

Cerca nel web

Nuove Note | 10 marzo 2019, 06:00

Surfoniani: cavalchiamo la musica a suon di surf

I Surfoniani nascono dalla passione per l'ascolto della surf music, che ha fatto crescerà al gruppo anche la voglia di suonarla.

Surfoniani: cavalchiamo la musica a suon di surf

I Surfoniani nascono dalla passione per l'ascolto della surf music, che ha fatto crescerà al gruppo anche la voglia di suonarla. Da allora non hanno più smesso. Alla fine del 2015la band entra in studio per registrare i pezzi che fino a quel momento avevano suonato solo live. Il primo disco, "Dal terrificante pianeta Hula Ba-Dula, vede la luce a giugno 2016 che ricalca il sound strumentale della surf music dei primi anni Sessanta. Dopo aver girato l'Europa e l'Italia esibendosi su diversi palchi hanno da poco registrato tre nuovi pezzi, tra cui la hit "Cleopatra". Ma le novità non finiscono qui perché i Surfoniani stanno scrivendo nuovi brani per ritornare in sala di registrazione.

La formazione ha subito negli anni cambiamenti di figure e generi, come siete approdati a quella attuale?

Mah, semplicemente i batteristi precedenti  a Tony hanno ad un certo punto dovuto smettere per impegni che non permettevano una continuità nel suonare. Poi finalmente abbiamo avuto fortuna nell’aver trovato il selvaggio batterista che risponde al nome di Tony Kelvin (Tony ride!), già noto nell’ambiente torinese per la sua militanza nei Kelvins e nei Ponches, due band punk rock torinesi. A parte gli scherzi, un po’ come tutti, abbiamo cominciato con il mettere su una band punk, per l’urgenza che solitamente l’adolescenza porta con sé. Dopodiché, la passione che negli anni è venuta fuori con l’ascolto di un genere come il surf ha fatto accrescere la voglia di provare anche a suonarlo. E non abbiamo più smesso, la surf music è meravigliosa!

La scena della surf music in Italia?

Sempre più band, sempre più interesse verso un genere che non ha mai veramente "sfondato" in Italia. E poi non dimentichiamoci che qui in Italia abbiamo uno dei più importanti, se non il più importante, festival di musica surf al mondo: il “Surfer Joe Summer Festival”, che da ormai 17 anni si tiene all'inizio dell'estate a Livorno, in una splendida location di fronte al mare. Consiglio a tutti di andarci almeno una volta, anche solo per capire di cosa si tratta quando si parla (e si suona) di musica "surf".

Come nasce un vostro brano?

Generalmente il più ispirato dei tre è Giamba, il chitarrista, che arriva in saletta con uno o più giri che ci propone, il resto lo facciamo io e Fra che testiamo varie possibilità di velocità e ritmi.

Vi siete esibiti sia in Italia che all’estero, come si pone il pubblico in questi due diversi contesti?

Su questo sarò netto: per una band surf, suonare all’estero è senza dubbio più interessante che suonare in Italia, la cultura musicale generalmente inesistente sulla musica surf qui da noi non permette spesso dei concerti con pienoni di gente e con persone realmente divertite ed appassionate. Il pubblico estero è più giovane, aperto e allegro, ha decisamente più voglia di divertirsi e muovere il culo.

Da poco è uscito fuori un nuovo vostro Ep, ce ne parlate?

Il pezzo “Cleopatra” è uscito fuori quasi per caso, quando ad una prova in saletta Giamba ci ha fatto sentire il motivetto. In poco più di un’ora avevamo praticamente il pezzo pronto, un po’ da sgrossare, ma finito. Il lato B, “Monkey Serenade”, è un pezzo che possiamo definire appartenente al genere “exotica”, sound che adoriamo alla follia! Ritmi tribali, atmosfere calde, strumenti esotici e versi di animali rigorosamente “umani”, ovvero ‘cantati’ da noi, proprio come facevano i grandi autori di exotic music negli anni Sessanta. Riuscire a dare un tocco di exotica ad un nostro pezzo ci ha reso felicissimi e molto soddisfatti del risultato. Ne approfitto per segnalare la pubblicazione di una bonus track, “Arcade 81”, presente per ora solo in versione digitale. Un nostro piccolo omaggio all’età d’oro dei videogames anni Ottanta!

La vostra Torino musicale e non.

La "nostra" Torino musicale vede qualche locale interessato a far suonare il rock'n'roll, il punk, il garage e tutti i buoni derivati del rock'n'roll, compreso il surf. E non dimentichiamoci dei preziosi posti occupati, che da tanti anni permettono di suonare e poter ascoltare band e generi altrimenti difficili da scoprire.

News, live in programma, appuntamenti.

Stiamo scrivendo pezzi nuovi, presto torneremo in studio di registrazione per altri 7" e probabilmente un bel 33 giri!  Il prossimo appuntamento per vedere i Surfoniani dal vivo è  il 14 marzo al "Capolinea 8", a Torino. Inoltre, molto importante, sta per partire il progetto #TheBusker, una sorta di 'talent' che vedrà protagonisti, tra gli altri, anche noi Surfoniani! Restate aggiornati sulla pagina facebook.com/thebuskerlamusicaelastrada Poi il 16 marzo a Saluzzo (CN) doppio appuntamento: nel pomeriggio mini-live al negozio di dischi "On the Corner" e la sera al locale "Il Baricentro" in centro città. E, anticipazione super: suoneremo al mitico "Surfer Joe Summer Festival" di Livorno! Presto sarà pubblicato il programma completo con tutti i dettagli, stay tuned!

 Info su https://www.facebook.com/Surfoniani/ 

Federica Monello

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium