/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 12 marzo 2019, 19:06

Piemonte, la Regione approva il bilancio 2018/2021

E' l'ultimo della legislatura. Il documento è stato approvato a maggioranza, con 31 sì e 10 no

Piemonte, la Regione approva il bilancio 2018/2021

 

Un bilancio sostenibile con spazio per investimenti e politiche sociali e una messa in sicurezza del debito: questo lo scopo del documento di previsione 2018/21, ultimo della legislatura, presentato per la Giunta guidata da Sergio Chiamparino dal vicepresidente Aldo Reschigna, approvato a maggioranza (31 sì e 10 no) nella seduta odierna del Consiglio regionale.

Un documento che vede nell’esercizio finanziario 2019 entrate e spese di competenza per oltre 19 miliardi di euro e 18,5 di cassa (dei quali quasi 11 per la sanità). L’operazione sui derivati dovrebbe comportare un risparmio di 185 milioni di euro spalmati fino al 2036: concordata con il ministero, libera risparmi che consentono anche di allargare sensibilmente la platea degli aventi diritto agli assegni di cura, portando la dotazione degli extraLea da 53 a 73 milioni. Tra gli investimenti si segnala quello di 30 milioni (1 per il 2019, 12 per il 2020 e 17 per il 2021) per il “Manufacturing technology competence center” (Mtcc) dedicato al trasferimento tecnologico e l'innovazione del sistema della ricerca al sistema produttivo. I fondi serviranno anche per la “Piattaforma aerospazio” per analoghe attività rivolte in particolare alle Pmi aerospaziali.

Chiamparino ha rivendicato diversi obiettivi raggiunti, tra cui il fatto che il disavanzo certificato ad inizio legislatura di circa 3,3 miliardi è stato diminuito di quasi un miliardo. Secondo Andrea Appiano (Pd), “con l’approvazione del bilancio di previsione 2019-2021, la Regione Piemonte fa un ulteriore passo in avanti nel percorso di risanamento dei conti pubblici avviato a inizio legislatura, garantendo contestualmente nuovi investimenti e salvaguardando i servizi. La sfida di riportare su un binario di sostenibilità il bilancio regionale è stata forse la più complessa della legislatura che si sta per chiudere. E tutto garantendo servizi e investimenti”.

“Si rinviano al 2036 i pagamenti di mutui contratti con la Cassa depositi e prestiti per ripianare i disastri causati dalla ‘finanza creativa’ dell’amministrazione Bresso e dall’incompetenza del centrodestra – ha dichiarato Davide Bono (M5s) -. Un contratto derivato verrà parzialmente messo in sicurezza ma a pagarne le conseguenze saranno ancora una volta le generazioni future. Rinviati ancora di un anno gli investimenti su scuole, strade, montagna e Province. Gonfiate oltre misura le entrate del recupero evasione bollo auto fino a sforare la cifra monstre di 200 milioni, quando negli anni passati abbiamo riscosso solo una piccola parte di quanto preteso”.

“Siamo arrivati all’ultimo atto dell’era Chiamparino – ha dichiarato Roberto Ravello (F d’I) –. Con questo bilancio si chiude una legislatura assolutamente inutile. Il Piemonte continua a essere ultima tra le regioni del nord produttivo e risultano in peggioramento le attese su produzione, ordini ed occupazione. In più ricordiamo lo scandalo Finpiemonte, l’incapacità di utilizzo delle risorse europee, il disimpegno su ambiente e sistema montano, il taglio dei posti letto, la chiusura di alcuni presidi ospedalieri e l’incapacità di sognare il futuro”.

Maria Carla Chiapello (Moderati) ha affermato che “grazie al risanamento dei conti, senza ricorrere a drastiche sforbiciate abbiamo restituito al Piemonte la possibilità di fare investimenti. Ci sono più risorse per le politiche sociali: più cittadini non autosufficienti riceveranno gli assegni di cura e poi un’importante novità è il buono nidi per le famiglie in difficoltà”. 

Secondo Andrea Tronzano (FI), "anche in occasione dell'ultimo bilancio previsionale la Giunta di centrosinistra non riesce a far cambiare passo al Piemonte che arretra in tutte le classifiche, dai dati dell'export a quelli della crescita del Pil, dal livello dei servizi sanitari offerti alla capacità attrattiva di nuove imprese nel nostro territorio. Manca un’adeguata programmazione sanitaria, ostaggio di un approccio ideologico che smonta le eccellenze e premia le rendite di posizione. È assente una politica dello sport, ma soprattutto è molto grave che manchi un adeguato utilizzo dei fondi comunitari". 

“Dopo anni di sacrifici enormi – ha affermato Alfredo Monaco (Scelta civica) - per mettere in sicurezza i servizi e i conti da una devastazione finanziaria, finalmente un bilancio che permette ai piemontesi di guardare al futuro con maggiore fiducia. Gli embrioni di investimento sono strutturali e quindi solidi. Il lavoro è il problema più urgente cui dare risposta e qualche spiraglio per il sostegno alla produzione c'è e ne sono contento”.

Secondo Gian Luca Vignale (Mns) "la legge di bilancio approvata non risponde agli interessi del Piemonte, ma sembra più un documento che guarda alle prossime elezioni ma non al futuro. Pochi investimenti, alcune mance elettorali e troppi impegni presi a partire solo dal 2020 lasceranno alla prossima Giunta un bilancio ingessato. Il risanamento non ha lasciato spazio, se non in prossimità della campagna elettorale, al rilancio degli investimenti, al potenziamento dei servizi e al sostegno a impresa e famiglie. I tagli apportati in sanità sono l’esempio più evidente”.

Collegati al disegno di legge, sono stati approvati venti atti d'indirizzo prima della votazione finale del disegno di legge.

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium