/ Attualità

Attualità | 13 marzo 2019, 13:38

Parco Michelotti, inizia la nuova fase di riqualifica: lavori in corso nella punta nord

Il Comune di Torino conta di riaprire la parte che va dall'ex Rettilario alla Bocciofila Sis, all'angolo con corso Regina Margherita, entro fine anno

Parco Michelotti, inizia la nuova fase di riqualifica: lavori in corso nella punta nord

Continuano le operazioni di riqualifica del parco Michelotti in corso Casale. Proprio questa mattina sono stati avviati i cantieri nella punta nord, dopo la prima parziale riapertura lo scorso luglio. 

Secondo il cronoprogramma fornito dalla giunta comunale, l'area che va dall'ex Rettilario alla Bocciofila Sis su corso Regina Margherita dovrebbe essere completata entro fine anno. 

Le linee guida per il "nuovo" Michelotti, redatte dopo un anno di assemblee tra tecnici e cittadini riuniti nel tavolo di progettazione civica, prevedono una restituzione totale dell'area verde alla cittadinanza, aperta e accessibile tutto l'anno, preservandone il valore ambientale. 

In particolare, l'assessorato all'ambiente ha indicato tra le misure l'abbattimento di tutti gli edifici risalenti all'ex zoo - a eccezione del Rettilario, che conserva un suo intrinseco valore architettonico e potrà essere recuperato - e la non privatizzazione. 

"La previsione di spesa - aveva dichiarato l'assessore Alberto Unia durante l'ultima commissione comunale - per la sistemazione di tutto il resto del parco, compresa la demolizione delle strutture, è di 950 mila euro. Contiamo di metterli a bilancio nel 2019 in manutenzione straordinaria". 

La manutenzione ordinaria, come sfalcio dell'erba e potature, richiederà invece 20 mila euro l'anno. 

Proprio questa sera la Circoscrizione 8 è chiamata a esprimere il parere in consiglio sulle linee d'indirizzo proposte dal Comune. Nelle ultime settimane è emersa da una parte la volontà di preservare le strutture del parco ed eventualmente destinarle a nuove funzioni culturali, sociali ed educative. Le associazioni ambientaliste, invece, riunite in Assemblea Michelotti, difendono a spada tratta la naturalità dell'area, scongiurando qualsiasi progetto di privatizzazione, come quello proposto da Marco Grilli di Alfa Teatro: un parco tematico ospitante un enorme museo di marionette - patrimonio della sua famiglia - e spazi dedicati a corsi ed esibizioni d'arte drammatica. 

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium