/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 13 marzo 2019, 15:33

Da Saluzzo parte la lotta del Piemonte contro il caporalato nell'agricoltura

Siglato un protocollo tra le parti sociali e le istituzioni per favorire il lavoro regolare. Nascerà uno sportello di collocamento apposito per la manodopera nei campi, anche per le zone del vino e nelle altre province

Da Saluzzo parte la lotta del Piemonte contro il caporalato nell'agricoltura

"L'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, ma anche sulle condizioni di lavoro". Con queste parole del prefetto di Torino, Claudio Palomba, è stata accompagnata la firma del protocollo che è stata effettuata oggi in Regione finalizzato a combattere il contenuto e, dunque, a promuovere il lavoro regolare.

A siglarlo, insieme al governatore Sergio Chiamparino e agli assessori al Lavoro, all'Immigrazione e all'Agricoltura, Gianna Pentenero, Monica Cerutti e Giorgio Ferrero, anche un vasto universo di enti e sigle. Dall'Inail all'INPS, passando per i sindacati facenti capo a Cgil, Cisl e UIL e le associazioni datoriali e cooperative del settore primario. Con loro, anche Arcidiocesi di Torino e Diaconia Valdese.

Sotto la lente di ingrandimento, sulla scorta degli episodi tragici che si sono verificati soprattutto nel Sud Italia, tutte le aree della nostra regione in cui si fa agricoltura. E in particolare il Saluzzese, dove l'elevata concentrazione di lavoratori di origine straniera nella raccolta della frutta mostra una situazione particolarmente complessa.

Il protocollo prevede vari strumenti, ma soprattutto uno sportello dedicato al collocamento pubblico in agricoltura, per conoscere il fabbisogno di manodopera e al tempo stesso governare il flusso di manodopera, semplificando le procedure ma anche contrastando fenomeni di illegalità. L'Agenzia Piemonte Lavoro si impegna a predisporre elenchi ad hoc di lavoratori disponibili all'attività stagionale nei campi nel periodo maggio-novembre, favorendo così domanda e offerta di manodopera.

"La qualità del made in Italy non può prescindere dalla qualità e dalle condizioni di chi lavora - dice Fabrizio Galliati, presidente di Coldiretti Torino - e tutti, lungo la filiera, devono essere responsabili nella tutela di queste condizioni, prevenendo situazioni di irregolarità".

"Il protocollo sottoscritto oggi - aggiunge il vicepresidente di Confagricoltura Piemonte, Paolo Dentis - promuove azioni concrete per facilitare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro stagionale. Senza l'apporto di manodopera, anche extracomunitaria, le nostre aziende non potrebbero raggiungere i livelli anche qualitativi che caratterizzano le produzioni piemontesi".

D'altra parte i numeri parlano chiaro: nel 2018 le assunzioni in Piemonte di lavoratori stranieri sono state 36.122 e di questi 23.840 stagionali stranieri. Le concentrazioni sono nel mondo della frutta per il Saluzzese (soprattutto con lavoratori africani), ma anche nei vigneti di Alba-Canelli-Monferrato, con lavoratori soprattutto macedoni e bulgari. Sono soprattutto indiani e pakistani i lavoratori stranieri impiegati nelle aree torinesi e novaresi dove si fa allevamento bestiame.

Ma c'è anche una faccia negativa di questo mondo: tra il 2016 e il 2018 le indagini delle forze dell'ordine hanno trovato 123 situazioni irregolari su 240 aziende controllate nel Saluzzese e su 875 lavoratori verificati erano 281 gli irregolari. Addirittura 113 completamente in nero. Per il settore dei vigneti, nel 2016 sono state sanzionate 8 cooperative, 12 l'anno successivo e 13 nel 2018. L'evasione contributiva ha superato il mezzo milione di euro.

Questo protocollo – ha dichiarato Chiamparino – conferma l’impegno della Regione Piemonte per la promozione del lavoro regolare in agricoltura e insieme riconosce l’importanza del lavoro stagionale, che in alcuni settori agricoli è uno strumento centrale per garantire qualità e competitività anche internazionale alle nostre eccellenze.  Lo sforzo della Regione è quindi di contribuire sempre più a creare condizioni di vita dignitose per tutti i lavoratori stagionali, sull’esempio delle molte esperienze positive già in atto in Piemonte, penso all’accoglienza, che intendiamo moltiplicare e valorizzare”.

Con riferimento alla legge nazionale per il contrasto al lavoro illegale – ha aggiunto l’assessore Ferrero –, obiettivo del protocollo è migliorare le condizioni di accoglienza dei lavoratori insieme ai soggetti attuatori degli enti locali e alle associazioni. Un testounico cheinclude il concetto di dignità di tutti i lavoratori, come principio a cui possiamo ispirare le nostre politiche anche nella futura programmazione. Un plauso al mondo agricolo che non si è mai sottratto al confronto ed è in prima fila per garantire la qualità del lavoro nella produzione agroalimentare di qualità. Inoltre ricordo il sostegno di Regione Piemonte agli amministratori locali e alle aziende, attraverso unbando innovativo a sostegno dei Comuni che presentano progetti per l’ospitalità dei salariati agricoli stagionali”.

E’ molto importante, nell’ambito del protocollo – ha sottolineato l’assessora Pentenero –, la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti per poter mettere in campo, a favore di lavoratori e imprese, servizi volti a promuovere contratti regolari, contrastando l’illegalità e immaginando condizioni di vantaggio per le imprese che scelgano la strada della legalità e della buona economia. La sperimentazione del collocamento pubblico in agricoltura interesserà in una prima fase il territorio del Saluzzese, e potrà essere esteso all’intero territorio regionale”.

Questo protocollo – ha concluso l’assessora Cerutti – costituisce un passo in avanti importante, a livello regionale, perché mette insieme soggetti diversi, con competenze diverse, con l’obiettivo di contrastare lavoro nero e sfruttamento. Fondamentale sarà la connessione con altri progetti regionali che stiamo potenziando. Uno su tutti, già avviato, è l’Anello Forte che mira a tutelare le vittime di tratta e sfruttamento”.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium