/ torinoggi.it

Che tempo fa

Cerca nel web

torinoggi.it | 13 marzo 2019, 07:00

Viabilità a Mirafiori: in estate pullman 63 ogni undici minuti e collegato con la metro Lingotto

Nella nuova revisione delle rete Gtt, annunciata dall’assessora Lapietra in Circoscrizione 2, anche il collegamento del 34 (accorpato con il 38) alla futura stazione Bengasi, il 71 ogni undici minuti e il 40 ogni 15

Viabilità a Mirafiori: in estate pullman 63 ogni undici minuti e collegato con la metro Lingotto

Entro pochi mesi saranno drasticamente ridotti i tempi d’attesa degli abitanti di Mirafiori Sud alla fermata degli autobus. Ad annunciarlo è la stessa assessora comunale ai trasporti Maria Lapietra durante una commissione in Circoscrizione 2, alla quale hanno partecipato diversi cittadini esasperati dai continui disservizi di Gtt.

A partire dalla prossima estate, infatti, una volta approvata dall’Agenzia della mobilità piemontese, la nuova revisione della rete del trasporto pubblico locale dovrebbe prevedere maggiori frequenze nei passaggi e un incremento della flotta mezzi.

Tra le novità più grosse, la creazione di un’unica linea 63 ogni undici minuti e per di più collegata alla stazione della metropolitana Lingotto. Verranno ravvicinati anche i passaggi del 71, ogni undici minuti – linea che, partendo per l’ultima corsa dal capolinea di via Farinelli alle 21, costringe i dipendenti dell’Asl che smontano dal turno a trovare mezzi alternativi –, mentre il 34 – fondamentale per raggiungere gli ospedali – ingloberà la linea 38 con frequenza ogni 13 minuti, arrivando fino alla futura stazione Bengasi. Infine, il 40, che, a detta dei residenti, nelle ore di punta si vede passare ogni 20/25 minuti, scenderà a 15.

Stiamo lentamente risolvendo i disservizi degli ultimi mesi – ha spiegato Lapietra – e finalmente Gtt ha ripreso la manutenzione della flotta mezzi. Questo è solo un momento transitorio”.

Per impedire l’accumulo dei ritardi durante la giornata – ha continuato – ci impegneremo ad aumentare le sedi protette per i pullman, in modo che non si intasino nel traffico cittadino”. E i tecnici Gtt, presenti con lei in commissione, hanno precisato: “Il nostro obiettivo è raggiungere delle frequenze basse e omogenee, riducendo le attuali discrepanze tra le linee. Garantiamo soprattutto un netto miglioramento della linea tranviaria: i nuovi tram saranno molto più capienti e aumenteranno ulteriormente i passaggi”.

Un malessere, quello per il trasporto in periferia, che i residenti di Mirafiori accusano da tempo, parlando senza mezzi termini di “ghettizzazione” rispetto al resto della città. “Vorremmo una rete più capillare ed efficiente, soprattutto considerando l’alto tasso di anzianità di questa zona”, ha detto la presidente della commissione di quartiere Elena Zeppola, che ha raccolto nei mesi scorsi le rimostranze degli abitanti per lo sviluppo del piano annuale. A risentire del disagio, soprattutto chi si sposta di sera per raggiungere altre sedi più centrali e si ritrova senza la corsa di ritorno: “Non possiamo neanche andare a sentire un concerto in centro senza essere poi costretti a spendere i soldi per un taxi”, lamenta una signora.

E la situazione non migliora durante la giornata, in particolare per chi abita nella frazione Cime Bianche, comunemente nota come “Il Villaggio”. “Qui passa solo il 63 sbarrato, e per incrociare altre linee dobbiamo andare fino al fondo di via Biscaretti di Ruffia”, lamenta l’ex consigliera di circoscrizione Antonietta Carpinelli, che aggiunge: “Non trovo giusto che si debba pagare 1,70 euro di biglietto e non riuscire neanche a fare la spesa in via Cesare Pavese nei 100 minuti di tempo previsti”. Ma su questo punto Lapietra rassicura: “Stiamo studiando con la Regione un nuovo tipo di pagamento a consumo, grazie quale verranno scalati soldi agli utenti in base ai bip di salita e di discesa, coprendo quindi solo il tragitto effettuato in termini chilometrici”.

Intanto la presidente della Circoscrizione 2 Luisa Bernardini e il vice Alessandro Nucera promettono nuovi incontri con i cittadini per illustrare più dettagliatamente le principali novità della nuova rete di trasporti.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium