/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 14 marzo 2019, 15:37

Barattolo, il Prefetto chiede alle parti un progetto condiviso

Durante la riunione del comitato sicurezza, Palomba ha proposto un nuovo incontro tra due settimane. Il Presidente della Circoscrizione 7 Deri: “Il territorio non ha bisogno di prove muscolari”

Barattolo, il Prefetto chiede alle parti un progetto condiviso

Ci vorranno ancora due settimane per conoscere il destino del Barattolo del sabato: è quanto filtrato dal comitato sicurezza Porta Palazzo dopo la riunione di questa mattina. Il Prefetto, visto il persistere della situazione di abusivismo a Canale Molassi e San Pietro in Vincoli, ha chiesto alle parti in causa un nuovo incontro con la presentazione di un progetto condiviso e mediato tra le parti.

La proposta ha incontrato il parere favorevole della Circoscrizione 7: “Accogliamo in modo positivo - ha commentato il presidente Luca Deri – la richiesta del Prefetto di incontrarci nuovamente tra due settimane: siamo consapevoli che il territorio non abbia bisogno di prove muscolari e che l'area non debba essere trasformata in un luogo di scontro tra opposte fazioni. Al tempo stesso i residenti di San Pietro in Vincoli devono poter vivere serenamente e non essere oggetto di atti intimidatori”.

A questo proposito, la Circoscrizione ha colto l'occasione per ribadire la propria proposta di soluzione, che prevede la permanenza del mercato al Balon nel solo canale Molassi (dal cancello di Via Andreis al cancello di Strada del Fortino con un massimo di 180 espositori), l'obbligatorietà della certificazione ISEE che dimostri la precarietà economica del soggetto e la destinazione dell'area adiacente all'ex cimitero di San Pietro in Vincoli a parcheggio gratuito per i residenti e a pagamento per gli operatori del mercato: “Questa proposta – ha aggiunto Deri - nasce da un'esperienza consolidata da decenni di riunioni, incontri e discussioni con i vari soggetti che animano la zona e per evitare che il conflitto in atto in queste settimane possa nuocere alla tradizione solidale e commerciale del Balon e di Torino".

La necessità di “chiudere” San Pietro in Vincoli è stata ribadita anche attraverso la richiesta di un maggior controllo del territorio: “Le Forze dell’Ordine – ha sottolineato il coordinatore al commercio Michele Crispo – devono garantire il presidio della zona già a partire dal venerdì pomeriggio: è necessario tutelare i residenti che da oltre 19 anni convivono con quel mercato”.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium