/ Attualità

Attualità | 14 marzo 2019, 15:22

Passeggiate con i cani in aiuto dei malati di tumore al polmone: a Torino al via il progetto di pet therapy

Le passeggiate verranno effettuate due volte alla settimana, per sei mesi, con partenza dalla fontana dei 12 mesi. Silvia Novello: "Passeggiate per combattere depressione e stanchezza pre e post trattamento"

Passeggiate con i cani in aiuto dei malati di tumore al polmone: a Torino al via il progetto di pet therapy

Una passeggiata al Valentino con un cane per combattere l’ansia e la depressione che colpiscono il 70 % dei malati di tumore al polmone. Ill progetto “Impera”, presentato al Circolo dei lettori e promosso da Walce con Te.C.A., mira a garantire un supporto ai pazienti affetti da un tumore al polmone che prima e dopo il trattamento presentano il sintomo della fatigue, cioè uno stato di stanchezza profonda e prolungata.

Per uscire da questa stato, i pazienti effettueranno delle passeggiate con cani addestrati: le passeggiate si svolgeranno al parco del Valentino, con partenza dalla fontana dei 12 mesi, due volte alla settimana per sei mesi, a partire dal 25 marzo. Silvia Novello, presidente di Walce onlus, spiega le ragioni che hanno spinto l’onlus ad avviare e a sostenere il progetto: “La fatigue è spesso associata ad ansia, stress, depressione e disturbi del sonno, con conseguente impatto negativo sulla qualità della vita e l’adesione alle terapie. In questo caso, l’unico intervento che ha dimostrato prove solide sulla riduzione della fatigue è l’esercizio fisico. Il nostro progetto nasce da qui, è basato sulle evidenze della pet therapy come strumento di potenziamento dell’attività fisica nei pazienti con tumore al polmone”.

I pazienti si muoveranno in un ambiente extra-ospedaliero. La validità scientifica dell’attività è stata riconosciuta dal Ministero della Salute, che da anni ormai sostiene progetti di pet therapy. “Il progetto ‘IMPERA’ - afferma la dott.ssa Simona Carnio, Medico Oncologo all’Ospedale San Luigi di Orbassano - si rivolge a 20 pazienti con tumore del polmone trattati radicalmente con chirurgia, comprese le persone in corso di trattamento adiuvante, cioè successivo alla chirurgia, con chemioterapia e radioterapia, e include anche i loro familiari e amici. L’obiettivo del progetto è la valorizzazione dell’impiego della pet therapy nei pazienti attraverso l’incentivazione all’attività fisica. I cani coinvolti nel progetto saranno 15: il loro amore e la loro influenza positiva aiuteranno i pazienti colpiti da tumore al polmone a vivere la loro battaglia con positività e forza rinnovata.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium