/ Attualità

Attualità | 14 marzo 2019, 07:01

Raccolta “porta a porta”, lamentele in corso Corsica: “Bidoni troppo vicini ad androni e negozi”

Il vicepresidente della Circoscrizione 8 Massimiliano Miano ha convocato per gli inizi di aprile una riunione con Amiat per risolvere il problema della collocazione. A fine maggio partirà l’ultima fase con le eco-stazioni elettroniche

Raccolta “porta a porta”, lamentele in corso Corsica: “Bidoni troppo vicini ad androni e negozi”

Come tutte le sperimentazioni, anche la nuova raccolta differenziata nel quartiere Lingotto-Filadelfia, partita a pieno regime a inizio mese, sembra per ora procedere a tentoni. I cittadini non abituati a suddividere i rifiuti in base alla composizione, e nonostante la campagna informativa iniziata a gennaio, fanno fatica ad adattarsi. Per di più, in corso Corsica, sul lato ovest tra via La Loggia e corso Giambone, alcuni hanno lamentato un’eccessiva vicinanza dei bidoni agli androni dei palazzi e alle altre attività commerciali.

Dopo l’avvio a febbraio della rimozione dei vecchi cassonetti è addirittura partita una raccolta firme rivolta al Comune per presentare le difficoltà del caso.

Il problema – afferma il consigliere della Circoscrizione 8 Lorenzo D’Agostino (Pd), firmatario di un’interpellanza discussa ieri in consiglio – potrebbe essere risolto collocando i bidoncini nel controviale di corso Corsica, dove precedentemente erano posizionati quelli grandi”.

Ma il vicepresidente Massimiliano Miano rassicura di aver già preso accordi con Amiat: “Nei primi giorni di aprile – afferma – faremo una riunione con gli amministratori di condominio per risolvere la questione dei cassonetti su strada e dentro i cortili”.

Intanto, mentre procede il completamento del “porta a porta” tradizionale anche nel confinante quartiere Santa Rita, il quadrilatero compreso tra corso Unione Sovietica, corso Traiano, via Onorato Vigliani e corso Benedetto Croce vedrà, a fine maggio, l’ultima fase dell’opera, con l’attivazione delle eco-isole smart. Si tratta di venti stazione elettroniche per lo smaltimento rifiuti tramite bip card, che coinvolgerà circa 8 mila residenti, riuniti in 4100 famiglie. Nel mese di aprile verranno inviate le lettere informativa in ogni abitazione, e, a seguire, sarà convocata un’assemblea di cittadini con Iren per illustrare il progetto.

Rimarrà comunque attivo il punto informativo in corso Corsica 55 per ogni perplessità sulla raccolta.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium