/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 15 marzo 2019, 10:07

Fridays for Future, a Torino migliaia di giovani scendono in strada: “Salviamo il pianeta” [VIDEO]

Incredibile mobilitazione della new generation. Ritrovo in piazza Arbarello e corteo per le vie del centro città: “Stop all’inquinamento”

Foto con il contributo di Alessandro Bello

Foto con il contributo di Alessandro Bello

“Salviamo il pianeta”. È un grido forte e determinato quello che si leva dalle strade di Torino. Questa mattina, circa 10.000 giovani provenienti da tutta la provincia si sono dati appuntamento per manifestare tutta la preoccupazione circa i cambiamenti climatici che stanno distruggendo il pianeta terra.

Fridays for future, dopo numerosi appuntamenti in piazza Castello, raccoglie in piazza Arbarello la new generation. “Non c’è più tempo per salvare il nostro pianeta. Bisogna agire con determinazione, bisogna agire ora” è l’appello che i giovani rivolgono ai politici di tutto il mondo, ma in particolare agli amministratori torinesi e piemontesi.

La data scelta per manifestare la propria preoccupazione e la speranza in un mondo migliore, più ecologico e meno inquinato, non è casuale: in questo momento infatti sono in corso altre manifestazioni in tutto il mondo al grido di “vogliamo un futuro”. La campagna di sensibilizzazione è stata lanciata da Greta Thunberg, 16enne svedese candidata a premio Nobel per la pace proprio per il grande attivismo capace di coinvolgere migliaia e migliaia di giovani in tutto il mondo. Oggi, anche Torino, scende in piazza con la speranza di cambiare il sistema e salvare il mondo.

"Tutti possiamo far qualcosa, anche i giovani", ha detto il meteorologo Luca Mercalli. "La classe politica deve mobilitarsi, ma senza il sostengo della società non può fare nulla. Guardate oggi: è il 15 marzo e fa un caldo anomalo, con oggi spero che in tutto il mondo capisca. È l’ultima chiamata, siamo già in ritardo".

Si è conclusa senza criticità la manifestazione. I servizi disposti dal Questore di Torino Francesco Messina, con l’impiego di circa 100 uomini appartenenti alla Polizia, all’Arma dei Carabinieri e alla Polizia Municipale di Torino, hanno consentito che l’evento si svolgesse senza alcuna turbativa dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium