/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 10 aprile 2019, 20:02

Gtt non partecipa alla gara per Sfm Torino, il Pd chiede le dimissioni di Lapietra

Secondo il capogruppo Lo Russo "si tratta per GTT di minori introiti per 80 milioni all'anno, di mettere a rischio 300 lavoratori, di far saltare il piano industriale dell'azienda"

Gtt non partecipa alla gara per Sfm Torino, il Pd chiede le dimissioni di Lapietra

Dopo piazza Baldissera, l'assessore ai Trasporti Maria Lapietra rischia di perdere il posto nella giunta Appendino per la mancata partecipazione di Gtt alla gara per il servizio ferroviario metropolitano di Torino, che vede come unico candidato Trenitalia. Il Pd ha infatti depositato, insieme alle altre forze del centrosinistra, una mozione di sfiducia per Lapietra, che verrà discussa lunedì in consiglio comunale. 

Secondo il capogruppo del Pd Stefano Lo Russo "si tratta per GTT di minori introiti per 80 milioni all'anno, di mettere a rischio 300 lavoratori, di far saltare il piano industriale dell'azienda che anche sull'introito di quel servizio si poggiava".

"Un'approssimazione intollerabile, un mancato governo dei processi, una gestione dilettantesca di una partita decisamente troppo grande per Appendino e soprattutto per la sua Assessora Lapietra che a questo punto è utile alla Città che vada a fare danni altrove" conclude Lo Russo.

Il consigliere del Pd Claudio Lubatti ha poi annunciato di presentare un "esposto all'autorità della libera concorrenza perché la Presidente dell'Agenzia Metropolitana (stazione appaltante della gara ndr), indicata dalla Sindaca Appendino (prof. Pronello), è stata nominata dal Ministro Toninelli nel cda di Ferrovie dello Stato." L'obiettivo è valutare se "c'è stato conflitto di interesse".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium