/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 15 aprile 2019, 12:00

Scuola 4.0 e rischio NEET, da Torino a Taranto per raccontare la generazione di studenti di fronte alla nuova sfida del lavoro

Prodotto da Tekla con il supporto di Film Commission, Regione e Fondazione per la scuola di Compagnia di San Paolo, il progetto racconta dubbi, paure e ostacoli delle nuove generazioni tra la fine del percorso formativo e la ricerca di un impiego

Scuola 4.0 e rischio NEET, da Torino a Taranto per raccontare la generazione di studenti di fronte alla nuova sfida del lavoro

Si chiama "Scuola 4.0" ed è un viaggio. È anche un progetto che ha ottenuto il finanziamento del bando Under35 Digital video contest Giovani protagonisti della Film Commission Torino Piemonte, ma soprattutto è uno specchio del nostro Paese.

Partendo da Torino e spaziando ai quattro angoli della Penisola, per indagare meccanismi, successi e paure del mondo della formazione quando si confronta con quello del lavoro, subito dopo la porta che si spalanca al termine di un diploma o della laurea. E con la spada di Damocle del pianeta NEET, quando non si trova un proprio posto nel mondo e si rinuncia a tutto: sia a studiare che a cercare impiego.

Proprio il tema che si tratta spesso in questi anni sulla difficoltà di incrocio tra percorsi scolastici tradizionali ed esigenze professionali sempre più specializzate e d'avanguardia all'interno delle imprese. A raccontare la situazione, con il supporto della Fondazione per la scuola della Compagnia di San Paolo e l'assessorato regionale dalle Politiche giovanili, il regista Fabio Catalano e la sua troupe, insieme alla casa di produzione torinese Tekla. Il cui lavoro sarà poi trasmesso a puntate da Corriere.it. 

Una fatica fatta da 250 interviste, 6 scuole, 4000 chilometri di viaggio, 8 mesi di attività per un totale di 12 storie di ragazze e ragazzi arrivati ormai agli ultimi anni di studio e dunque di fronte alla scelta delle scelte.

Tra le scuole coinvolte, anche il Pininfarina di Moncalieri, il Cigna di Mondovì, io Gae Aulenti di Biella e istituti di Taranto, Jesi e Bologna. "Abbiamo voluto fotografare una generazione  frammentata, di fronte a una scelta - racconta Gianluca Orrù, autore del lavoro - e ricordo bene la paranoia che avevo anche io alla loro età. Come dicono i Baustelle nelle loro canzoni, le scelte finiscono per cementificare la loro vita adulta".

"Volevamo progetti con ragazzi giovani come protagonisti e parte attiva del lavoro - spiega Paolo Manera, direttore di Film Commission - ed ecco perché questa iniziativa ha trovato posto nel nostro bando. Abbiamo trovato una potenzialità, una forza e una freschezza importanti".

"Politiche giovanili e politiche del lavoro spesso si sovrappongono - commenta Monica Cerutti, assessore regionale con la delega su questi temi - ma non possono esaurirsi solo in quello. Ecco perché abbiamo voluto sostenere questo bando. Le risposte sono state sempre molto positive ed è bello avere anche un confronto sovra regionale".

"Diamo un sostegno per imparare, quindi stiamo zitti e ascoltiamo - dice Paolo Crepax, direttore della Fondazione per la Scuola - e siamo molto impegnati sul tema delle nuove tecnologie, a cominciare dall'uso dei media nella nuova didattica. Sempre tenendo presente che tra 20 anni il mondo del lavoro sarà fatto da professioni che oggi non sappiamo ancora immaginare".

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium