/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 20 aprile 2019, 16:08

Tagli alla manutenzione stradale, l’ira dei presidenti di Circoscrizione: “Troppe buche, situazione micidiale”

Ogni Circoscrizione avrà circa 67.000 euro da destinare alla manutenzione stradale: tra i crateri in periferia, sampietrini in centro e strade dissestate in collina, le strade di Torino sono in condizioni disastrate. Ne abbiamo parlato con i mini-sindaci

Tagli alla manutenzione stradale, l’ira dei presidenti di Circoscrizione: “Troppe buche, situazione micidiale”

Buche e crateri, sampietrini rotti e vie collinari dissestate: desta preoccupazione la situazione delle strade torinesi. La notizia dei soli 535.000 euro per la manutenzione ordinaria di marciapiedi e strade è stata incassata come un pugno nella bocca dello stomaco dai presidenti delle otto Circoscrizioni della Città: conti alla mano infatti, ognuno di loro avrà a disposizione circa 67.000 euro per riparare buche, avvallamenti e strade. Una cifra inferiore a quella stanziata nel 2018, considerata da tutti i presidenti insufficiente per prendersi cura del manto stradale del territorio da loro amministrato.

Dalla periferia al centro, passando per la collina, i problemi sono di natura differente. Il filo conduttore? La preoccupazione, se non la certezza, di dover fare i conti con una situazione definita dal presidente della Circoscrizione 5 Marco Novello “micidiale”. Le maggiori criticità si segnalano in periferia. “Possiamo solo intervenire sull’emergenza, sulle segnalazioni della polizia municipale” spiega Carlotta Salerno. Nella Circoscrizione 6, di cui è presidente, si proverà a tappare le buche nelle strade maggiormente percorse da auto, moto e bus, ma sarà impossibile seguire la programmazione fatta dagli uffici. Anche Novello evidenzia le stesse problematiche: “Andremo a tamponare, ma nelle vie secondarie è impossibile intervenire. A risentirne saranno soprattutto le vie antiche, interne: Borgo Vittoria per esempio ne è piena”.

Chi pensa che il problema buche si riscontri solo nelle periferie si sbaglia. A denunciare la situazione critica in centro è Massimo Guerrini, presidente della Circoscrizione 1: “Il centro cittadini è l’unico ad avere materiale lapideo, sampietrini. Tutte le aree pedonali sono in condizioni pietose “. “Ho letto che a Pasqua avremo il tutto esaurito negli alberghi - commenta Guerrini - Cosa penseranno i turisti quando vedranno strade così disastrate? Sarà un pessimo biglietto da visita per la città di Torino”. Preoccupato anche Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8. Le maggiori criticità si evidenziano nelle vie di San Salvario, in via Nizza , corso Moncalieri e in via Passobuole, ma paradossalmente è la collina l’area che desta davvero preoccupazione, tra strade dissestate e rischio frane. “Avete visto la situazione in collina e pre collina? - ci confida - Avremo bisogno di uno stanziamento straordinario, è vero che ci sono meno residenti ma bisogna pensare alla salvaguardia idrologica e geologica della città”. 

Claudio e Cerrato e Francesca Troise, presidenti della Circoscrizione 3 e 4, seppur amministrando zone non così distanti dal centro cittadino potrebbero tranquillamente dilungarsi in un lunghissimo elenco di vie in cui sarebbe necessario intervenire. “Abbiamo bisogno di manutenzione ordinaria e straordinaria - spiega Cerrato - E’ un problema diffuso, ormai ogni quartiere ha vie ammalorate”. Troise invita tutti a ragionare sul paradosso del taglio dei fondi destinati alle manutenzioni stradali: “E’ poco lungimirante tagliare la manutenzione ordinaria, perché più il tempo passa più il piccolo problema diventa emergenza. A quel punto si finisce per spendere di più in manutenzione straordinaria”. Insomma, nonostante le differenti situazioni, tutti i presidenti si definiscono molto preoccupati per la situazione delle strade torinesi. Realista ma sconsolato Marco Novello, che con una frase racchiude il pensiero di tutti i suoi colleghi: “Senza soldi non potremo fare miracoli e a rimetterci saranno i cittadini”.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium