/ Eventi

Eventi | 09 maggio 2019, 09:32

Apre il Salone del Libro 2019, Lagioia: "Su AltaForte è stata necessaria una svolta politica"

Il direttore della kermesse culturale del Lingotto: "La vicenda si è spostata da una polemica culturale a una simbolica e ha fatto emergere i temi chiave del nostro tempo, di cui si parlerà anche in questi giorni"

Apre il Salone del Libro 2019, Lagioia: "Su AltaForte è stata necessaria una svolta politica"

"Il problema è che la vicenda si è spostata da una polemica culturale con implicazioni contrattuali a una simbolica, con la presa di posizione di Halina Birenbaum, e quindi è stata necessaria una svolta politica".

Così il direttore del Salone del Libro di Torino Nicola Lagioia, all'inaugurazione della 32° kermesse al Lingotto, sulla rescissione del contratto con la casa editrice AltaForte, vicina a CasaPound. 

"Questa vicenda - ha aggiunto - ha fatto emergere i temi chiave del nostro tempo, fascismo e antifascismo, la tenuta della democrazia, temi di cui si parlerà al Salone che certo ha una sua impostazione culturale che è andata a confliggere con quanto è successo. Questo però non vuol dire che il Salone non accolga tutti però c’è un limite che è quello dell’apologia di fascismo e di odio razziale che si devono mettere fuori”, ha detto ancora.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium