/ Cronaca

Cronaca | 16 maggio 2019, 14:58

Macelleria chiusa al Mercato Centrale, Montano: “Problemi strutturali”

Il presidente dell'azienda spiega i motivi che hanno portato alla chiusura di questa mattina e promette un intervento immediato. La Circoscrizione 7: “Le regole devono essere rispettate da tutti”

Macelleria chiusa al Mercato Centrale, Montano: “Problemi strutturali”

La macelleria di carne piemontese e toscana di Piazza della Repubblica riaprirà, nella migliore delle ipotesi, già in serata: ad affermarlo è il presidente di Mercato Centrale Umberto Montano, che spiega le cause della chiusura per motivi igienici voluta dall'Asl questa mattina: “Evidentemente – ha commentato – non le abbiamo fatte proprio tutte bene".

"Ci sono degli aspetti tecnici, operativi e strutturali che non sono stati completati a causa dell'enorme lavoro fatto qui a Torino. Qualche disattenzione, da parte nostra, c'è stata ma il problema verrà immediatamente risolto, portando tutto alla regolarità entro stasera”.

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Circoscrizione 7 Luca Deri: “Non vorremmo che passasse l'idea – ha dichiarato – che la Sindaca Appendino fosse attenta solo al mercato dei poveri Barattolo, per il quale ha richiesto l'esilio in periferia. Le regole devono essere rispettate da tutti, la coesistenza tra soggetti di natura diversa deve diventare il motore per lo sviluppo dell'intera area di Porta Palazzo”.

"Nell’ambito della collaborazione e delle attività di verifica effettuate con gli enti prima dell’apertura, Mercato Centrale ha messo in atto tempestivamente tutte le prescrizioni ricevute dalla ASL di Torino relative all’attività di macelleria, comunicandole nei tempi richiesti", ha spiegato Mercato Centrale con una nota.

"Durante il sopralluogo della ASL di questa mattina, l'ente ha preso atto delle ulteriori prescrizioni, su cui si è attivata tempestivamente e che verranno portate a compimento nella serata di oggi, a conferma della sua attenzione verso il perseguimento ed il mantenimento di alti standard di qualità".

"Mercato Centrale precisa che le prescrizioni sono afferenti la sola attività della bottega 'La Carne della Toscana' e non coinvolgono in alcun modo i prodotti forniti dall’artigiano Marco Martini", precisa la nota in conclusione.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium