Politica - 21 maggio 2019, 15:38

Cirio e Vignale in visita all’ospedale di Lanzo: “La Regione tuteli i presidi di valle e di montagna”

Con loro anche la sindaca di Lanzo, Ernestina Assalto: nonostante l’eccellenza delle strutture e delle competenze, la mancanza di personale è un problema da non sottovalutare

Cirio e Vignale in visita all’ospedale di Lanzo: “La Regione tuteli i presidi di valle e di montagna”

Nella mattinata odierna, il candidato regionale della lista "Si Tav, Piemonte nel Cuore" Gian Luca Vignale e il candidato presidente del centro destra Alberto Cirio hanno visitato l'ospedale di Lanzo, presidio sanitario di fondamentale importanza per tutta la valle.


Il sopralluogo presso l’ospedale ha permesso ai due politici di confrontarsi con il personale sanitario operante nell'ospedale e il sindaco di Lanzo, Ernestina Assalto. Tra i problemi evidenziati, al netto del grande valore dei professionisti che lavorano all'interno dell'ospedale, della Casa della Salute e del reparto di cura dei disturbi alimentari, vi è la preoccupante carenza di medici e infermieri in un presidio che, come tutti gli ospedali di montagna, svolge una funzione essenziale.

Tra i paradossi più grandi poi vi è il fatto che la direzione sanitaria sia costretta a far ricorso a medici gettonisti, che guadagnano di più di un medico a contratto e non stabiliscono un contatto diretto con i pazienti.

Concluso il giro in ospedale, Cirio e Vignale hanno di fatto espresso un parere unilaterale: gli ospedali di montagna e tutti i presidi lontani dalle metropoli come Lanzo, Ceva, Courgnè e Ovada, andrebbero potenziati con l’obiettivo di diventare il centro da cui si irradiano politiche sanitarie territoriali di livello.

"Dobbiamo garantire il diritto alla salute a chi vive a Torino, come a chi vive in una valle montana. L'ospedale di Lanzo rimane una struttura di eccellenza, ma la mancanza di personale è evidente" è il commento di Alberto Cirio, candidato del centro destra alla presidenza della Regione Piemonte. Un concetto ripreso dal consigliere Gian Luca Vignale: "Questi ospedali devono essere legati a un potenziamento della sanità territoriale e domiciliare. Il potenziamento è l'unica ricetta per garantire a chi è inevitabilmente lontano da un ospedale cure e assistenza: il diritto alla sanità è un diritto di tutti".

“La presenza di Cirio all’ospedale di Lanzo è la dimostrazione di come s’intenda cambiare rotta rispetto alla politica dei tagli di questa amministrazione”, ha concluso Vignale.

comunicato politico elettorale

Ti potrebbero interessare anche:

SU