/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 25 maggio 2019, 12:30

Non più casi isolati: altre due auto sono bruciate a Borgo Lingotto, adesso si teme un piromane

Dopo l'episodio della vettura andata in fiamme in via Taggia all'angolo con via Montevideo, nuove segnalazioni arrivano da via Spano. Mentre un incendio in via Tunisi ha coinvolto nei giorni scorsi anche dei sacchetti della raccolta differenziata

Non più casi isolati: altre due auto sono bruciate a Borgo Lingotto, adesso si teme un piromane

E' emergenza piromane, a Borgo Lingotto. Non ci sono ancora prove, ma di certo per le strade che corrono tra corso Unione Sovietica e la ferrovia cominciano ad accumularsi troppi episodi per far pensare a una semplice coincidenza.

Lo scorso mese un'auto aveva preso fuoco in via Taggia, quasi all'angolo con via Montevideo, proprio di fronte alla sede locale del Partito Democratico. Ma negli ultimi giorni nuovi casi di vetture distrutte dalle fiamme sono state segnalate in via Spano, proprio dall'altra parte dello stadio Filadelfia, a poca distanza dal primo caso.

Anche nel caso di via Spano, due auto sono rimaste distrutte dalle fiamme. Tre indizi che cominciano a fare una prova, come recitano i libri gialli della tradizione. Ma a questi episodi i residenti ne segnalano un quarto, che non ha visto una macchina prendere fuoco, ma alcuni sacchi di plastica utilizzati per la raccolta differenziata.
Proprio in questa zona, infatti, da qualche tempo è attivo il porta a porta e ogni condominio è tenuto a raccogliere e collocare sul marciapiede di fronte al portone di ingresso la tipologia di rifiuto che viene raccolto in quel particolare giorno. "Deve esserci qualcuno che trova divertente dar fuoco a questi sacchetti", sottolinea una delle persone che abita in zona.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium