/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 08 giugno 2019, 18:00

Bocconi con chiodi e pusher, i proprietari dei cani chiedono telecamere ai giardini Firpo

La convivenza tra condomini, aree cani e aree giochi è complessa e i problemi non di sicurezza non mancano: i cittadini chiedono a gran voce una riqualificazione

I bocconi con i chiodi ritrovati dai cittadini

I bocconi con i chiodi ritrovati dai cittadini

Telecamere contro lo spaccio e a tutela dei cani. E’ una richiesta perentoria quella che si leva dai cittadini che frequentano i giardini Firpo, in corso Dante, nel quartiere San Salvario.

Sono 758 le firme raccolte per chiedere al Comune di Torino un intervento di riqualificazione dell’area verde, dell’area giochi per i bambini e dell’area cani. La richiesta nasce da alcuni preoccupanti episodi di cronaca avvenuti nella zona e denunciati dai residenti: a metà febbraio, all’interno delle aree cani e di tutto il giardino, sono stati infatti rinvenuti würstel con chiodi e pezzi di carne avvelenata, mentre gli episodi di spaccio e di consumo di sostanze stupefacenti sono pressoché all’ordine del giorno da tempo.

Ecco perché, esasperati, i cittadini chiedono l’installazione di telecamere che possano fare da deterrente sia a pusher che a malintenzionati che possano pensare di avvelenare i loro amici a quattro zampe. Oltre alle telecamere poi, tra le richieste vi è quella di sopprimere l’area cani più piccola (quella vicino ai condomini) per ampliare invece quella più grande.

Non è dato a sapersi, almeno al momento, se le istanze dei cittadini verranno accolte, ma quel che è certo è che la loro voce potrebbe trovare spazio in uno dei tre incontri previsti dall’amministrazione con i fruitori delle aree cani cittadine: uno spazio per parlare e riprogettare in un percorso partecipato gli spazi dedicati agli animali e ai loro padroni.

Gli incontri non sono ancora stati calendarizzati ma dovrebbero essere organizzati nei prossimi mesi. Il futuro del giardino Firpo, in corso Dante, potrebbe delinearsi dopo questi incontri, ma le richieste dei cittadini verranno già discusse in Commissione consiliare tra una decina di giorni.

Qualcosa intanto già si muove: il cancello d'accesso all'area cani, arrugginito e vandalizzato, è stato riparato dieci giorni fa. Un piccolo intervento che alimenta la speranza di una riqualificazione totale e globale di tutta l'area.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium