/ Eventi

Eventi | 09 giugno 2019, 17:00

L'Unione Musicale apre la "Camera delle meraviglie" e celebra Beethoven

La stagione 2019/20 sarà inaugurata il 16 ottobre con tre "Notturni" di Chopin di Alexander Romanovsky al Conservatorio. Prenderà il via il ciclo dei "Trii" beethoveniani

L'Unione Musicale apre la "Camera delle meraviglie" e celebra Beethoven

Saranno ben 130 gli appuntamenti per la stagione 2019/20 dell'Unione Musicale. Un cartellone vastissimo, presentato questa mattina al Teatro Vittoria dal presidente Angelo Benessia con il direttore artistico Giorgio Pugliaro, che comprende 59 concerti, 54 laboratori, 10 spettacoli per famiglie e 12 miniconcerti.

Protagonisti alcuni tra i migliori interpreti del panorama italiano e internazionale, come Andrea Lucchesini - per il ciclo dedicato a Schubert e Schumann -, Ivo Pogorelich, i King's Sisters e Ian Bostridge  - votato in particolare alla musica di Benjamin Britten. La stagione si aprirà il 16 ottobre con tre "Notturni" di Chopin di Alexander Romanovsky al Conservatorio "Giuseppe Verdi". Gran finale con il violinista Maxim Vengerov e la pianista Polina Osetinskaya il 17 maggio all'Auditorium Rai "Arturo Toscanini".

Significativa l'atmosfera "familiare" che si respirerà. Lilya Zilberstein si esibirà con i figli Daniel e Anton Gerzenberg per un curioso programma per pianoforte a 2, 4 e 6 mani. 

Il 2020 sarà dedicato a Beethoven (per il 250° anniversario della nascita), con un ricco programma che va dalle "Sonate per violino e pianoforte" con Francesca Dego e Francesca Leonardi alla maratona di "Sonate per violoncello e pianoforte" eseguite da Nicolas Altstaedt con l'accompagnamento di Alexander Lonquich. Prenderanno inoltre avvio i concerti del Trio di Parma, con le composizione beethoveniane per violino, violoncello e pianoforte.

Si intensifica la presenza di giovani musicisti nel programma, già avviata negli scorsi anni, anche grazie alla collaborazione con il Conservatorio di Torino. "Quando abbiamo dovuto scegliere gli interpreti da ospitare in stagione – ha dichiarato il direttore Pugliaro –, abbiamo provato l’imbarazzo di chi non sa se rileggere un grande autore, che regala certamente grandi emozioni, o se prediligere un autore emergente, capace di stupire. Da qualche anno a questa parte stiamo scegliendo la seconda strada: invitiamo musicisti della nuova generazione, le cui interpretazioni fresche e tecnicamente ineccepibili ci regalano nuovi stimoli ed emozioni".

Dopo il successo delle passate stagioni, torna inoltre il progetto di audience engagement "Short Track. 30 minuti di classica per tutti", dedicato ai non intenditori di ogni età. Ma la vera novità di quest'anno sarà la "Camera delle meraviglie", un progetto pensato per tutti coloro che vogliano scoprire la bellezza della musica da camera: sei concerti tratti dal miglior repertorio cameristico, che verranno suonati e raccontati dettagliatamente al pubblico. "Vorremmo focalizzare l'attenzione degli spettatori ogni volta su un capolavoro diverso - ha spiegato Pugliaro -, smembrando gli elementi della sua sintassi musicale attraverso veri e propri focus".

Sono stati 1632 gli abbonati nella stagione appena conclusa, con 180 giovani e 90 sotto i 12 anni. Il programma completo della stagione 2019/20 è disponibile sul sito: www.unionemusicale.ithttp://www.unionemusicale.it/

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium