/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 13 giugno 2019, 07:19

Piazza Santa Giulia centrale dello spaccio: i carabinieri smantellano un'organizzazione di 8 persone [FOTO e VIDEO]

Il "traffico" dei clienti era gestito tramite i social, oppure con WhatsApp: coinvolti 3 italiani, un tunisino e 4 albanesi. Sequestrata anche una pistola senza matricola

Piazza Santa Giulia centrale dello spaccio: i carabinieri smantellano un'organizzazione di 8 persone [FOTO e VIDEO]

Torna alla ribalta una zona spesso al centro del dibattito, a Torino, come piazza Santa Giulia. I carabinieri hanno infatti smantellato un'organizzazione che spacciava droga in quelle strade e otto persone sono finite nei guai. Un'attività decisamente al passo con i tempi visto che, si è scoperto dalle indagini, la sostanza stupefacente veniva "gestita" nelle sue consegne verso i clienti tramite i social network o WhatsApp.



Si tratta di tre italiani, un tunisino e quattro albanesi, che devono ora rispondere delle accuse di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere Vanchiglia e in diversi bar di tutta la città. La loro "specialità" era soprattutto la cocaina.
Per sviare le indagini, la vendita e gli appuntamenti erano concordati con i clienti tramite messaggi sul cellulare e i social network. Durante le perquisizioni è stato sequestrato un revolver privo di matricola. nell'operazione sono stati impiegati 50 carabinieri, supportati da un’unità cinofila.

L’indagine, condotta tra il mese di dicembre 2017 e luglio 2018, ha preso il via dalla  denuncia di un italiano trovato in possesso di 8 ovuli di cocaina destinati alla vendita al dettaglio nel quartiere Vanchiglia. Con il passare dei giorni, è stato possibile documentare un’intensa e costante attività di spaccio, che aveva come principale base logistica un circolo privato ubicato in Piazza S. Giulia (estraneo ai fatti) e i relativi canali di rifornimento nella periferia nord di Torino. Gli indagati spacciavano in Piazza Santa Giulia e consegnavano la droga ai clienti in diversi bar “prestabiliti” di tutta la città.

Nel corso delle indagini sono già state arrestate in flagranza  2 italiani e un albanese, denunciate due persone, un italiano e un albanese, sequestrate centinaia di dosi di hashish, marijuana e cocaina. Sono stati identificati 40 acquirenti, di differente età ed estrazione sociale.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium