/ Chivasso

Chivasso | 15 giugno 2019, 08:43

A Chivasso arrivano i contributi per l'adeguamento dei dehor

Il sindaco Castello: "La città sarà più bella e accogliente"

Via Torino è la principale arteria pedonale della città ad ospitare bar e dehor

Via Torino è la principale arteria pedonale della città ad ospitare bar e dehor

Arrivano i contributi per l'adeguamento dei dehor. Con una delibera dello scorso 6 giugno, la Giunta del sindaco Claudio Castello ha infatti approvato la bozza di bando pubblico per l'erogazione di contributi a fondo perduto per l'adeguamento di dehors che in questo momento non rispettano il regolamento comunale.

“E' stato varato un nuovo strumento a sostegno di esercenti e titolari di attività di somministrazione alimenti e bevande per rendere la città più accogliente ed ordinata – hanno spiegato Castello e l'assessore al Commercio, Pasquale Centin -. Il bando approvato dalla Giunta comunale disciplina le procedure per la richiesta ed erogazione di contributi, finalizzati all’adeguamento delle occupazioni di suolo pubblico con dehors esistenti nonché dei relativi componenti di arredo attualmente non conformi ai criteri stabiliti dal vigente Regolamento Comunale. Si intende procedere alla concessione di contributi a fondo perduto a sussidio delle spese che si rendano necessarie per l’adeguamento o rinnovo delle strutture e degli arredi delle occupazioni di suolo con dehors. Per ogni richiesta valutata idonea, verrà assegnato un contributo economico a fondo perduto (l’importo varierà secondo il numero delle domande ricevute dall’Amministrazione Comunale) per l’acquisto di arredi o strutture. Potranno accedere al contributo le persone fisiche o giuridiche esercenti o titolari di attività di somministrazione alimenti e bevande, già titolari, anche a titolo di subentro, di precedenti titoli abilitativi per l’occupazione di suolo pubblico con dehors non conformi ai dettami del Regolamento, presenti sul territorio del Comune”.

La somma da erogare in beneficio delle attività che prevedono, già nell’anno in corso, di conformare i loro dehors ai nuovi disposti regolamentari o di rinnovarne la dotazione strutturale e d’arredo è pari a 12.000 euro, disponibilità alla quale risulta possibile sommare la cifra di 6.000 euro, risultanti da economie conseguite nell’ambito di una precedente procedura di contribuzione in materia di adeguamento dei dehors, per un totale di 18 mila euro.


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium